F1 | GP Italia 2022: le infografiche post libere Pirelli

Redazione P300.it - 10 Settembre 2022 - 10:30

Segue l’analisi Pirelli delle prove libere del GP Italia 2022

Leggi il resoconto delle FP1

Leggi il resoconto delle FP2

Le tre mescole selezionate da Pirelli si sono comportate esattamente come previsto nella giornata di prove libere a Monza: vera premiere per piloti e macchine  con i 18 pollici e pacchetto vettura nel “tempio della velocità”, che quest’anno festeggia il suo 100° compleanno.

Il divario di prestazioni tra le mescole è attualmente di circa 0,6 secondi al giro tra P Zero White hard e P Z Yellow medium, di 0,4 secondi tra medium e P Zero Red soft.

Elevata l’evoluzione della pista anche a causa della pioggia caduta all’inizio della giornata per poi passare ad un clima asciutto per entrambe le sessioni di prove libere, per 28 gradi di temperatura, 38 sull’asfalto, nella FP1.

Leggermente più fresca la FP2, per quanto essendo stata alle 17:00 sia meno rappresentativa per qualifiche e gara: con un meteo che infatti si preannuncia caldo e asciutto per il resto del weekend.

Ferrari sugli scudi, con Charles Leclerc che ha fatto segnare il crono più veloce della prima sessione, montando le Soft e testimone raccolto dal compagno di squadra Sainz, più veloce di tutti nelle libere del pomeriggio sempre su mescola morbida.

INFOGRAFICHE

F1 | GP Italia 2022: le infografiche post libere Pirelli
F1 | GP Italia 2022: le infografiche post libere Pirelli

PARLA SIMONE BERRA

“Le prestazioni di tutte e tre le mescole sono in linea con le nostre aspettative: dopo che la pioggia caduta fra la notte e il primo mattino ha ulterioremente diminuito il livello di aderenza dell’asfalto.

E’ probabile che questa evoluzione continui, con un bilanciamento vettura condizionato dalla gommatiura dell’asfalto e l’analisi del degrado di ognuna delle tre mescole ad essere la vera sfida per team e piloti nelle prossime ore.

Il divario di prestazioni tra C2, C3, C4 è piuttosto basso e anche questo rispetta quanto preventivato nelle nostre simulazioni: a Monza pista con tanti rettilinei e meno curve che in altri tracciati la velocità in curva e il livello di aderenza dei compound è un dato di fatto, con la velocità pura che ha sempre rappresentato il vero fascino di questo circuito.  

Ancora una volta, abbiamo visto che le mescole scelte potranno essere opzioni valide alternative per la gara di domenica”.

Fonte immagini e testi: Pirelli Motorsport