F1 | GP Italia 2021: le infografiche post Sprint Qualifying Pirelli

Segue l’analisi Pirelli dopo la Sprint Qualifying del GP Italia 2021

Leggi il resoconto delle FP2

Leggi il resoconto della Sprint Qualifying

Valtteri Bottas (Mercedes) ha vinto la seconda gara sprint qualifying nella storia della Formula 1, dopo essere partito dalla prima posizione in griglia grazie al primo posto ottenuto nelle qualifiche di ieri. Questo gli avrebbe garantito la pole per il Gran Premio d’Italia, ma partirà in fondo alla griglia a causa di un cambio di motore. Di conseguenza, Max Verstappen (Red Bull), che si è classificato secondo nella sprint qualifying, sarà effettivamente promosso in pole.

C’è stata un’ampia varietà di scelte pneumatici per la partenza della sprint qualifying, con McLaren, Aston Martin, Alpine e Yuki Tsunoda (AlphaTauri) che sono partiti con le soft mentre tutti gli altri hanno optato per le medium. Nessuno ha effettuato pit-stop.

La temperatura ambiente all’inizio della gara era di 29 gradi centigradi mentre quella della pista di 42. Nonostante il caldo, il degrado sulla soft è stato inferiore al previsto, probabilmente aiutato dal fatto che le vetture avevano solo circa un terzo del loro normale carico di carburante e questo, in aggiunta all’intervento della safety car  a inizio gara, ha senz’altro contribuito a ridurre lo stress sui pneumatici.

La Sprint qualifying è stata preceduta nella tarda mattinata da una sessione di free practice in cui Lewis Hamilton ha capitanato una doppietta Mercedes con pneumatici soft.

La strategia più veloce sulla carta per i 53 giri del Gran Premio d’Italia è quella ad una sosta, partendo con P Zero Yellow medium C3 per poi passare a P Zero Red soft C4. Tuttavia, anche passare dalla soft, o dalla medium, alla P Zero White hard C2 può essere un’ottima alternativa, quindi tutte le mescole possono giocare un ruolo importante. Le informazioni ricavate dalla sprint qualifying dimostrano come sia la soft che la medium siano scelte valide come pneumatici con cui partire, e i team avranno certamente ottenuto informazioni molto utili dalla gara di questo pomeriggio.

Le due soste due sono un’opzione nettamente più lenta, ma la migliore in questo caso sarebbe una strategia soft-medium-soft. In definitiva, le possibilità sono più aperte del solito nei weekend con sprint qualifying, considerato anche il fatto che nessun pilota è obbligato a iniziare il Gran Premio con i pneumatici con cui ha fatto registrare il miglior tempo in Q2.

INFOGRAFICHE

pirelli
pirelli

PARLA MARIO ISOLA

“E’ stato interessante vedere oggi in griglia sia pneumatici soft che medium, conseguenza anche della possibilità per tutti i piloti di scegliere i pneumatici con cui prendere il via. Nonostante il tempo delle prove libere fosse minore rispetto a quello di un normale weekend, i team hanno potuto comunque raccogliere una buona quantità di dati oggi durante la sprint qualifying, che si è svolta in condizioni simili a quelle previste per il gran premio di domani. La safety car all’inizio della sprint qualifying ha senz’altro contribuito a dare un po’ di respiro ai pneumatici, ma la soft si è comportata meglio del previsto, con livelli di degrado molto bassi nonostante le temperature calde. Per il Gran Premio di domani ci aspettiamo quindi che tutte e tre le mescole abbiano un ruolo chiave nella scelta delle strategie di gara”

Fonte immagini e testi: Pirelli Motorsport

CANALI TEMATICI SU TELEGRAM

NEWSLETTER

P300 MAGAZINE

PARTNERS

GRUPPI AMICI

ULTIMI ARTICOLI

COMMENTA

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ALTRI DALL'AUTORE

CANALI TEMATICI SU TELEGRAM