F1 | GP Italia 2020: la gara di Carlos Sainz (Mclaren), secondo al traguardo

SEGUICI

Telegram | Canale News

Telegram | Gruppo Discussione

Twitter

Instagram

Segue l’analisi del GP Italia 2020 di Carlos Sainz. Il pilota spagnolo del team Mclaren ha chiuso secondo sotto la bandiera a scacchi

GP Italia 2020, leggi il risultato di gara e la cronaca

Lo spagnolo della McLaren arriva davvero vicino a riportare la vittoria a Woking dopo otto anni ma si deve accontentare della 2a posizione, comunque suo miglior piazzamento in carriera. Lo spunto di Sainz è davvero ottimale, dalla seconda fila sopravanza subito Bottas e si mette all’inseguimento di Hamilton. L’inglese guadagna costantemente sullo spagnolo e si protegge presto da ogni eventuale attacco. Quando entra in pista la Safety Car, non rientra ai box per la chiusura della pit-lane e quando finalmente può cambiare le coperture si ritrova all’8° posto. Alla ripartenza sopravanza subito Latifi e prova ad attaccare le due Alfa Romeo, ma la gara viene fermata dalla bandiera rossa.

Alla seconda partenza non riesce a replicare quello che ha fatto al 1° giro e mantiene la 6a posizione. Ciò nonostante, dimostra di avere un ottimo ritmo e, beneficiando delle penalità di Hamilton e Giovinazzi, sopravanza Stroll salendo in 3a piazza. Con una manovra molto decisa alla Prima Variante, ha la meglio anche su Raikkonen e si mette all’inseguimento del battistrada Gasly. Si riavvicina molto, ma probabilmente gli mancano un paio di giri per finalizzare il sorpasso e vincere il Gran Premio. La 2a posizione riporta comunque la McLaren sul podio dopo il Gran Premio d’Austria e consente a Sainz di godersi la festa per la prima volta in carriera, dopo il 3° posto assegnatogli ormai a festeggiamenti conclusi a Interlagos nel 2019. La McLaren non otteneva due podi nella stessa stagione dal 2014 quando, nella gara di apertura, Magnussen e Button terminarono rispettivamente 2° e 3°.

Immagine di copertina: Twitter – Mclaren

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

CONDIVIDI

ALTRI DALL'AUTORE