F1 | GP Italia 2020, la cronaca delle qualifiche

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

Hamilton Pole Position e Record della pista. Ferrari sprofondate in 13a e 17a posizione, mai così male dal 1984

Segue la cronaca delle qualifiche del Gran Premio d’Italia 2020, ottava prova del mondiale di Formula 1. Prima fila tutta Mercedes con Hamilton e Bottas, seconda con Sainz e Perez.

Q1

Subito traffico in pista all’inizio della prima sessione con metà macchine che lasciano i box. Il primo a lanciarsi è Magnussen e fa segnare 1:21.628, superato poi dal compagno di squadra Grosjean in 1:21.402. Russell si mette tra le due Haas e sono poi le Ferrari a mettersi in testa con Leclerc davanti a Vettel. Un secondo trenino di monoposto a questo punto esce dai box, con Bottas e Hamilton in pista su gomme medie. Il tempo di Leclerc viene tolto causa track limits così come quello di Magnussen.

La prima Mercedes a far segnare il tempo è quella di Bottas, che scende a 1:19.786. Hamilton migliora il tempo del compagno e scende a 1:19.539.

Viene tolto anche il tempo a Gasly, che dovrà ritentare come Leclerc e Magnussen. Intanto la classifica a 8 dal termine vede Hamilton davanti a Bottas, Perez, Sainz, Norris, Verstappen, Ricciardo, Kvyat, Ocon, Albon. Vettel è 11° ma scala in fretta in 17a posizione, mentre il monegasco con un altro giro torna in 11a. Intanto viene anche cancellato il tempo di Albon, che torna in 15a posizione.

A tre minuti dal termine tutti fuori insieme per l’ultimo giro. La direttiva della FIA emanata questo weekend impone ai piloti di non girare più lenti di 1:43, ma le monoposto sono comunque troppo vicine, con scene assurde tra Raikkonen ed Ocon che si pianta davanti all’Alfa Romeo per non farla passare.

A fare le spese di tutto questo è anche Sebastian Vettel che si trova totalmente in mezzo al traffico con la Williams di Russell davanti e non finisce neanche il giro, restando escluso in Q1 insieme a Grosjean, Giovinazzi, Russell e Latifi.

Davanti Hamilton migliora ancora in 1:19.514 lasciando Bottas a quasi tre decimi.


Q2

Tutti fuori con gomma soft per la seconda parte della qualifica dopo il disastro della Q1. Hamilton va in pista con Verstappen alle calcagna, mentre Bottas è davanti a tutti. Il finlandese fa segnare 1:19.417 ma è Lewis Hamilton a prendersi il record della pista in 1:19.092, andando in testa con oltre tre decimi sul compagno.

Perez è terzo davanti a Sainz, Verstappen, Gasly. Leclerc è 13° ma con gomma usata, in attesa dell’ultimo giro buono. Intanto viene comunicato che la battaglia tra Ocon e Raikkonen della Q1 verrà investigata dopo le qualifiche. Al momento i piloti esclusi sono Kvyat, Ocon, Leclerc, Magnussen e Raikkonen.

A 3 minuti e mezzo si ripete la scena della Q1 con tutti i piloti in pista insieme. Le due Renault si mettono davanti a tutti con Ricciardo che va per primo e senza cercare scie, seguito dal compagno.

L’australiano però sbaglia fuori dalla Roggia e si sposta. Ocon non migliora, Bottas scende a 1:18.952 prendendosi il record della pista davanti a Hamilton, Sainz, Perez, Verstappen, Gasly, Stroll, Norris, Ricciardo e Albon. Questi i piloti che vanno in Q3. Restano esclusi Kvyat, Ocon, Leclerc, Raikkonen e Magnussen. Il monegasco rimedia 1.3 da Bottas. Peggior risultato della Ferrari a Monza dal 1984.


Q3

Tutti dentro per il primo dei giri che decideranno la pole position. Partono Bottas, Hamilton, Vestappen, Albon e via via gli altri. Il finlandese della Mercedes fa segnare 1:19.121. Hamilton scende a 1:19.068. Verstappen è terzo solo momentaneamente perché Sergio Perez lo scavalca per un decimo. Sainz e Norris sono in terza fila momentanea davanti a Ricciardo, Gasly, Stroll e Albon il cui tempo viene cancellato per track limits; sarebbe salito in settima posizione.

Le Mercedes escono per il loro secondo giro a 5 minuti e mezzo dalla fine, seguite via via dagli altri. Bottas ci prova e migliora il suo tempo in 1:18.956 ma Hamilton non molla e migliora ancora il giro record in 1:18.887, alla media di 264,362 km/h.

Il colpo grosso lo fa Carlos Sainz che si porta in terza posizione con la McLaren davanti a Perez e Verstappen. Norris è sesto con la seconda McLaren davanti a Ricciardo, Stroll, Albon e Gasly.

Immagine di copertina: Twitter – Mercedes

ULTIMI ARTICOLI

MONOPOSTO by SAURO

Avatar of Alessandro Secchi
Alessandro Secchi
Classe 1983. Ragioniere sulla carta, informatico per necessità, blogger per anni ed ora giornalista pubblicista per passione. Una sedia, una tastiera e tre schermi sono il mio habitat naturale.
"Il mio Michael" è il mio libro su Schumi ma, soprattutto, il mio personale modo di dirgli "Grazie". #KeepFightingMichael, sempre!

ALTRI DALL'AUTORE