F1 | GP Italia 2020, la cronaca della gara

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

Pierre Gasly vince a Monza su Carlos Sainz e Lance Stroll. Gara pazza nella seconda metà

Segue la cronaca del Gran Premio d’Italia 2020, ottava prova del mondiale di Formula 1 vinta dal francese dell’AlphaTauri sullo spagnolo della McLaren ed il canadese della Racing Point.

Sulla griglia di partenza i primi dieci piloti sono su gomme soft. Dall’undicesima posizione in giù Kvyat è su dure così come Vettel. Ocon e Leclerc sono su soft, tutti gli altri su medie.

Giro 1 | Partenza orrenda di Bottas che perde quattro posizioni mentre le McLaren si portano in seconda e terza con Sainz e Norris dietro Hamilton che scappa. Perez è quarto davanti a Ricciardo.


Giro 2 | Bottas segnala una foratura ma dal box segnalano che è tutto ok.


Giro 3 | Verstappen si riprende la settima posizione che aveva perso da Stroll. Le Ferrari sono ancora nelle posizioni di partenza, con Leclerc 13° e Vettel 17°.
Giro 4 | Il replay della partenza mostra i grandi sorpassi di Norris, partito sesto, soprattutto su Bottas. La toccata tra Gasly e Albon della prima variante non porta strascichi in direzione gara.


Giro 5 | Dopo quattro giri Hamilton comanda su Sainz, Norris, Perez, Ricciardo, Bottas, Verstappen, Stroll, Ocon e Gasly. Leclerc è ancora 13°, Vettel ancora 17°.
Giro 6 | Il muretto Ferrari segnala un problema alla Ferrari di Vettel. Il tedesco vede esplodere il freno posteriore sinistro, andato letteralmente a fuoco.


Giro 7 | Vettel rallenta vistosamente. Intanto Verstappen segue da vicino Bottas. La Ferrari #5 si ferma ai box per il ritiro.


Giro 8 | Cinque secondi di penalità ad Alex Albon per aver cambiato traiettoria in frenata su Romain Grosjean.
Giro 9 | Perez si fa minaccioso alla Roggia su Norris, mentre Sainz è da solo in seconda posizione con 5 secondi di distacco da Hamilton e 4 di vantaggio sul compagno.


Giro 11 | Il quintetto Norris-Perez-Ricciardo-Bottas-Verstappen procede con un secondo circa di distacco per ogni macchina.
Giro 12 | Altro secondo guadagnato da Hamilton su Sainz. Sono 7 i secondi di vantaggio.
Giro 13 |
Giro 14 | Sale a 8.5 il vantaggio di Hamilton su Sainz, mentre Vettel è già in borghese pronto per le interviste.
Giro 15 | Verstappen, intanto, tenta in qualche modo di stare attaccato alla Mercedes di Bottas.
Giro 16 | Hamilton sale a 10 secondi con giro veloce in 1:24.626. Bottas viene informato di problemi di temperature sulle gomme.
Giro 17 | Albon passa Leclerc per la 14a posizione e se ne va dopo la Roggia
Giro 18 | Leclerc si ferma ai box per la sua prima sosta. Gomme dure per lui.
Giro 19 | Pit anche per Kimi Raikkonen (dure per lui), mentre Magnussen si ferma poco prima dell’ingresso box segnalando una rottura alla sua Haas.
Giro 20 | Pit per Gasly con gomme dure anche per lui. Viene mandata in pista la Safety Car per rimuovere la monoposto del danese.


Giro 21 | Dei primi è rientrato solo Hamilton: altri ai box sono Giovinazzi, Magnussen e Latifi.
Giro 22 | Incredibile: Hamilton e Giovinazzi sarebbero entrati ai box con la pitlane chiusa. Intanto la pista viene ripulita dalle scie d’olio lasciate dalla Haas.


Giro 23 | La pitlane viene aperta e rientrano tutti ai box per cambiare gomme tranne Stroll.


Giro 24 | A questo punto si riparte con Hamilton e Giovinazzi ancora investigati, Lewis comanda su Stroll, Gasly, Giovinazzi, Raikkonen, Leclerc, Latifi, Sainz, Norris e Bottas. Stroll non si è ancora fermato, Gasly lo ha fatto appena prima della Safety Car. Leclerc sorpassa subito le due Alfa portandosi in quarta posizione.
Giro 25 | Botto forte per Leclerc fuori dalla Parabolica, ancora Safety Car. Il monegasco perde la Ferrari in uscita e va a sbattere contro le protezioni, per fortuna senza conseguenze. Intanto viene dato uno Stop&Go di 10 secondi a Giovinazzi e viene data bandiera rossa per rimuovere la Ferrari di Leclerc e ripristinare le protezioni.

Durante il periodo di bandiera rossa viene dato uno Stop & Go di 10 secondi anche a Hamilton. Nel frattempo Norris è investigato per aver guidato troppo lento e c’è un’altra investigazione tra Verstappen e Perez per una toccata in curva 1.

Si ripartirà con un giro di ricognizione e ripartenza da fermi. Hamilton e Giovinazzi dovranno poi scontare la loro penalità.

Giro 28 | Hamilton parte su Stroll e Gasly. Il canadese parte malissimo e perde tre posizioni con Gasly, Raikkonen e Giovinazzi che seguono la Mercedes. Stroll perde anche la posizione da Sainz ma la riprende all’esterno in ingresso dell’Ascari.


Giro 29 | Hamilton entra a scontare la penalità lasciando in testa Gasly davanti a Raikkonen e Giovinazzi. Hamilton rientra ultimo mentre tutti hanno cambiato gomme durante il regime di bandiera rossa.


Giro 30 | Gasly comanda su Raikkonen, Giovinazzi (che si deve fermare) Sainz, Stroll, Norris, Bottas, Ricciardo, Ocon, Kvyat, Perez, Latifi, Grosjean, Verstappen (sprofondato in 14a posizione), Russell, Albon e Hamilton.
Giro 31 | Rientra Giovinazzi per scontare il suo Stop & Go mentre l’altro colpo di scena è di Verstappen che si ritira.


Giro 32 | Gasly aumenta il vantaggio su Raikkonen a 2 secondi. Hamilton guadagna 1.6 su Albon ed è a 12 secondi dalla Red Bull.
Giro 33 | Lotta per la 12a posizione tra Grosjean e Russell, mentre Hamilton scende a 1.22.901 col giro più veloce guadagnando 2.2 su Albon.


Giro 34 | Bellissimo sorpasso di Sainz su Raikkonen per la seconda posizione, all’esterno della prima variante. Adesso il finlandese è seguito dalla Racing Point di Stroll.


Giro 35 | Il canadese passa durante il 35° giro con sorpasso all’esterno della Roggia. Hamilton è a 4.5 da Albon.


Giro 36 | Anche Norris passa l’Alfa #7 mentre davanti Gasly mantiene il vantaggio su Sainz a 4 secondi. Bottas passa Raikkonen.
Giro 37 | Kimi perde la posizione anche da Ricciardo.
Giro 39 | Il vantaggio di Gasly su Sainz è di 3.2 secondi.
Giro 40 | Gasly ora comanda su Sainz, Stroll, Norris, Bottas, Ricciardo, Raikkonen, Ocon, Kvyat, Perez. Hamilton, dopo un taglio di chicane di Albon, passa la Red Bull prima della Roggia.
Giro 41 | Hamilton passa agilmente la Williams di Russell mentre il vantaggio di Gasly scende sotto i 3 secondi.
Giro 42 | Altro sorpasso per Hamilton, stavolta su Grosjean per la 13a posizione.
Giro 43 | Raikkonen scala in ottava posizione, superato anche da Ocon. Davanti Gasly tiene Sainz a 2.8 quando mancano meno di dieci giri alla fine.
Giro 45 | Sainz scende a 1.5 di distacco da Gasly.
Giro 46 | Raikkonen perde posizione da Perez e Hamilton, che rientra in decima posizione.


Giro 48 | 1.3 ora il vantaggio di Gasly
Giro 49 | Hamilton passa Perez per la nona posizione.


Giro 50 | Il vantaggio di Gasly balla tra 1.3 e 1.6, con il francese che riguadagna qualcosa nel secondo settore rispetto agli altri due, dove la McLaren è più veloce.
Giro 51 | Hamilton prende anche l’ottava posizione su Kvyat, mentre Bottas non riesce a riprendere Norris.
Giro 53 | Sainz apre il DRS all’inizio dell’ultimo giro, ma non riesce ad avvicinarsi abbastanza per portare l’attacco decisivo all’AlphaTauri.

Immagine di copertina: Twitter – F1

ULTIMI ARTICOLI

MONOPOSTO by SAURO

Avatar of Alessandro Secchi
Alessandro Secchi
Classe 1983. Ragioniere sulla carta, informatico per necessità, blogger per anni ed ora giornalista pubblicista per passione. Una sedia, una tastiera e tre schermi sono il mio habitat naturale.
"Il mio Michael" è il mio libro su Schumi ma, soprattutto, il mio personale modo di dirgli "Grazie". #KeepFightingMichael, sempre!

ALTRI DALL'AUTORE