F1 | GP Italia 2020, FP2: Hamilton davanti a Bottas e Norris. Leclerc 9°

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

Mercedes a parti invertite rispetto alla prima sessione. La prima Ferrari a 1.3 dalla vetta

Le Mercedes continuano con il loro ruolino di marcia anche nella seconda sessione di prove libere del Gran Premio d’Italia. Questa volta le posizioni sono invertite, con Lewis Hamilton autore del miglior tempo in 1:20.192 davanti al compagno di squadra Valtteri Bottas, secondo a 262 millesimi di distacco.

Terza posizione per la McLaren di Lando Norris, con l’inglese autore del suo tempo a sessione già nella sua piena attività. Il suo distacco è di nove decimi dalla vetta davanti all’AlphaTauri di Pierre Gasly, ottimo quarto a 929 millesimi dal tempo di Hamilton.

Max Verstappen è quinto con la Red Bull. Dopo l’uscita di pista del mattino, l’olandese ha messo insieme una trentina di giri senza problemi al pomeriggio ed è il primo pilota oltre il secondo di distacco.

Carlos Sainz è sesto con la seconda McLaren e precede, nello stesso decimo, l’altra AlphaTauri di Daniil Kvyat e la Racing Point di Lance Stroll.

Nona posizione per la prima Ferrari, quella di Charles Leclerc. Il monegasco ha rimediato un distacco di 1.311 da Hamilton davanti alla Racing Point di Sergio Perez, che chiude la top ten a 1.4.

Dodicesima l’altra Ferrari di Sebastian Vettel. Il tedesco è stato autore di un testacoda in uscita dalla prima curva di Lesmo, mentre il compagno di squadra nello stesso punto è riuscito a tenere in pista una monoposto instabile al posteriore.

La seconda parte delle prove è stata dedicata, come di consueto, ai passi gara.

Seguono i tempi di sessione.

Immagine di copertina: Twitter – Mercedes

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

F1 | GP Italia 2020, FP2: Hamilton davanti a Bottas e Norris. Leclerc 9° 2
Alessandro Secchi
Classe 1983. Ragioniere sulla carta, informatico per necessità, blogger per anni ed ora giornalista pubblicista per passione. Una sedia, una tastiera e tre schermi sono il mio habitat naturale.
"Il mio Michael" è il mio libro su Schumi ma, soprattutto, il mio personale modo di dirgli "Grazie". #KeepFightingMichael, sempre!

ALTRI DALL'AUTORE