F1 | GP Italia 2020, anteprima McLaren: parlano Norris, Sainz e Andreas Seidl

SEGUICI

Telegram | Canale News

Telegram | Gruppo Discussione

Twitter

Instagram

Segue l’anteprima del team McLaren per il GP Italia 2020

Lando Norris

“Abbiamo avuto un buon inizio in questo triple header ed ora ci avviciniamo a Monza dove cercheremo di sfruttare questo momento. La lotta è molto serrata nel campionati costruttori e piloti, quindi sappiamo che perdere le opportunità di guadagnare punti può avere un grosso impatto sulle classifiche. Faremo il possibile per mantenere rispettivamente la terza e la sesta posizione. Monza è uno dei circuiti migliori del calendario, con molte possibilità di sorpasso. Non vedo l’ora di salire in macchina per le prime prove libere”.

Carlos Sainz

“Dopo la gara di Barcellona speravo di avere un altro weekend pulito a Spa ma, sfortunatamente, non sono riuscito nemmeno ad iniziare la gara di domenica. È frustrante guardarsi indietro e vedere tutti i punti che abbiamo perso a causa di problemi diversi, ma preferisco guardare avanti ed investire tutte le mie energie nelle gare che stanno per arrivare. Mi sento bene in macchina e sono sicuro che la fortuna girerà dalla mia parte se continuo a restare concentrato e lavorare sodo”.

Andreas Seidl

“Ci portiamo verso Monza portandoci dietro emozioni miste dal Gran Premio del Belgio, pronti per correre ancora nel “Tempio della velocità”. Come sempre in occasione di gare successive, c’è tanta pressione sul team per essere sicuro che sia tutto pronto per la prossima gara. Il circuito di Monza, con le sue alte velocità, richiede ancora una volta un pacchetto a basso carico. Sta a noi tirare fuori tutte le potenzialità della macchina in quella che sarà una dura lotta per conquistare punti preziosi”.

Immagine di copertina: Twitter – McLaren

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

CONDIVIDI

F1 | GP Italia 2020, anteprima McLaren: parlano Norris, Sainz e Andreas Seidl 2
Alessandro Secchi
Classe 1983. Ragioniere sulla carta, informatico per necessità, blogger per anni ed ora giornalista pubblicista per passione. Una sedia, una tastiera e tre schermi sono il mio habitat naturale.
"Il mio Michael" è il mio libro su Schumi ma, soprattutto, il mio personale modo di dirgli "Grazie". #KeepFightingMichael, sempre!

ALTRI DALL'AUTORE