F1 | GP Italia 2020, analisi Pirelli dopo FP1 e FP2

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

Seguono le dichiarazioni di Pirelli dopo le prove libere 1 e 2 del GP Italia 2020

Leggi il resoconto delle FP1

Leggi il resoconto delle FP2

Mercedes davanti a tutti nelle prime due sessioni di prove libere a Monza, con Valtteri Bottas primo in FP1 su soft e con il miglior tempo di giornata ottenuto in FP2 da Lewis Hamilton con la stessa mescola. Il tempo di 1m20.192s del pilota britannico è quasi un secondo più veloce rispetto alla seconda sessione di libere nel 2019, influenzata però da condizioni meteo variabili.
I Team hanno provato tutte le tre mescole disponibili con diversi carichi di carburante, lavorando anche sulle possibili strategie in vista della qualifica di domani e cercando di ottenere il massimo vantaggio possibile dalle scie sui rettilinei veloci di Monza.
Alcuni piloti sono andati larghi in curva, portando dello “sporco” in pista: un fattore che può aver influito sui tempi sul giro e potenzialmente rovinato i pneumatici di chi li stava seguendo.
Condizioni meteo buone in entrambe le sessioni, con quasi 30° ambiente e oltre 40° asfalto nel pomeriggio.

Parla Mario Isola

“Le prestazioni dei pneumatici oggi sono state in linea con quanto avevamo pevisto, anche se è difficile fare un paragone preciso con il 2019 viste le diverse condizioni meteo. Il divario tra hard e soft è di circa un secondo, con 6 decimi tra Red soft e Yellow medium e 4 decimi tra Yellow medium e White hard. Abbiamo visto alcuni long run su tutte e tre le mescole, di conseguenza pensiamo che la mescola più dura possa giocare un ruolo importante in quella che si prospetta essere una gara a una sosta. Come previsto, abbiamo visto I Team provare diverse tattiche in ottica qualifica, un elemento fondamentale per la gara di Monza. Le temperature dovrebbero rimanere piuttosto alte per tutto il weekend, quindi I dati ottenuti oggi dai Team dovrebbero essere molto rappresentativi per qualifiche e gara. I pneumatici sono stati molto consistenti durante I long run nel ‘Tempio della velocità’, anche su soft”.

Infografiche



Immagine: Pirelli Media

ULTIMI ARTICOLI

MONOPOSTO by SAURO

Avatar of Alessandro Secchi
Alessandro Secchi
Classe 1983. Ragioniere sulla carta, informatico per necessità, blogger per anni ed ora giornalista pubblicista per passione. Una sedia, una tastiera e tre schermi sono il mio habitat naturale.
"Il mio Michael" è il mio libro su Schumi ma, soprattutto, il mio personale modo di dirgli "Grazie". #KeepFightingMichael, sempre!

ALTRI DALL'AUTORE