Matomo

F1 | GP Gran Bretagna, FP2: Lance Stroll davanti ad Albon e Bottas

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

Il canadese della Racing Point comanda la lista dei tempi nella sessione pomeridiana. Hulkenberg settimo, Albon a muro


Nella giornata che vede Nico Hulkenberg ritornare in F1 con la Racing Point è Lance Stroll a domandare la lista dei tempi nella seconda sessione di prove libere del Gran Premio di Gran Bretagna.

Il pilota canadese ha girato in 1:27.274 su gomma soft (la stessa per tutti i primi dieci) con 90 millesimi di vantaggio sulla Red Bull di Alex Albon. Il thailandese è stato autore di un incidente alla curva Stowe a metà sessione, con danni alla monoposto e bandiera rossa esposta per diversi minuti.

Terza posizione per Valtteri Bottas con la Mercedes. Il finlandese si è fermato a 157 millesimi dal miglior tempo di Stroll. Quarto posto per la Ferrari di Charles Leclerc, a 296 millesimi dal miglior tempo.

Il campione in carica Lewis Hamilton è quinto con l’altra Mercedes a 307 millesimi da Stroll, davanti alla McLaren di Sainz ed alla Racing Point di Nico Hulkenberg. Il tedesco ha portato a termine 28 giri alla sua seconda sessione di ritorno in F1.

Chiudono la top ten Pierre Gasly con l’AlphaTauri, Daniel Ricciardo con la Renault e Kimi Raikkonen con l’Alfa Romeo. Diciottesimo tempo per Sebastian Vettel con la seconda Ferrari. Il tedesco ha completato 23 passaggi dopo il problema del mattino all’intercooler. Anche nel pomeriggio qualche intoppo per la Ferrari #5, con Vettel che è rientrato ai box segnalando qualche oggetto “volante” all’interno dell’abitacolo.

Seguono i tempi di sessione.

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

Otto anni e molto di più, nel bene e nel male

Otto anni fa davo il via a Passione a 300 all'ora uscendo da un'esperienza che mi aveva lasciato l'amaro in bocca....
F1 | GP Gran Bretagna, FP2: Lance Stroll davanti ad Albon e Bottas 2
Alessandro Secchi
Classe 1983. Ragioniere sulla carta, informatico per necessità, blogger per anni ed ora giornalista pubblicista per passione. Una sedia, una tastiera e tre schermi sono il mio habitat naturale.
"Il mio Michael" è il mio libro su Schumi ma, soprattutto, il mio personale modo di dirgli "Grazie". #KeepFightingMichael, sempre!

ALTRI DALL'AUTORE