F1 | GP Gran Bretagna, FP1: Gasly davanti con la Red Bull

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

Una prima sessione di libere ancor meno indicativa del solito quella del GP di Gran Bretagna a Silverstone. Con l’asfalto nuovo, l’umido e qualche goccia di pioggia scesa sul tracciato, le condizioni della pista sono andate migliorando verso la fine della prima ora e mezza a disposizione di team e piloti.

Ad avere la meglio nella classifica dei tempi, proprio negli ultimi secondi, è stato Pierre Gasly. Il francese della Red Bull ha girato in 1:27.173 con oltre quattro decimi di vantaggio sulla Mercedes di Valtteri Bottas. Il finlandese è restato in testa per gran parte della sessione. A più di otto decimi troviamo Max Verstappen con l’altra Red Bull, mentre Lewis Hamilton è quarto con la seconda Mercedes a nove decimi e mezzo dal miglior tempo di Gasly.

Troviamo poi oltre il secondo la coppia Ferrari: Charles Leclerc, in 1:28.253 (+1.080), precede Sebastian Vettel (1:28.304, +1.131). Un’altra coppia segue le rosse, quella Renault con Nico Hulkenberg che negli ultimi minuti si è riportato in top ten davanti al compagno Daniel Ricciardo. Un secondo e sei il distacco del tedesco, due decimi più lento l’australiano.

Chiudono la top ten Alex Albon con la Toro Rosso e Carlos Sainz con la McLaren.

La sessione è stata caratterizzata da una bandiera rossa per un problema alla PU sull’Alfa Romeo di Kimi Raikkonen e da qualche minuto di pausa per alcune gocce di pioggia che hanno fatto capolino sul tracciato. Diverse anche le uscite di pista, tra cui una curiosa di Romain Grosjean che si è girato in uscita dalla pitlane.

Seguono i tempi della prima sessione.

F1 | GP Gran Bretagna, FP1: Gasly davanti con la Red Bull

ULTIMI ARTICOLI

MONOPOSTO by SAURO

Avatar of Alessandro Secchi
Alessandro Secchi
Classe 1983. Ragioniere sulla carta, informatico per necessità, blogger per anni ed ora giornalista pubblicista per passione. Una sedia, una tastiera e tre schermi sono il mio habitat naturale.
"Il mio Michael" è il mio libro su Schumi ma, soprattutto, il mio personale modo di dirgli "Grazie". #KeepFightingMichael, sempre!

ALTRI DALL'AUTORE