F1 | GP Gran Bretagna 2024: anteprima Pirelli

F1 | GP Gran Bretagna 2024: anteprima Pirelli

ComunicatiF1GP Gran BretagnaGran Premi
Tempo di lettura: 4 minuti
di Alessandro Secchi @alexsecchi83
3 Luglio 2024 - 12:15

Segue l’analisi Pirelli per l’anteprima del GP Gran Bretagna 2024

La stagione del Campionato del Mondo FIA di Formula 1 arriva al giro di boa con il Gran Premio di Gran Bretagna, dodicesima delle 24 tappe del 2024, e lo fa proprio lì dove era iniziata la sua storia 74 anni fa. Fu proprio sulla pista di Silverstone, situata nel Northamptonshire, nata nel 1942 come aeroporto militare della Royal Air Force, che il 13 maggio 1950 fu disputato il primo dei 1112 capitoli del suo percorso che ci ha accompagnato fino ad oggi. Quel giorno ad imporsi fu l’Alfa Romeo di Nino Farina, che montava pneumatici Pirelli.

Il tracciato è caratterizzato da 18 curve e, con i suoi 5.861 metri, è uno dei più lunghi di tutto il calendario iridato: lo superano solamente Spa-Francorchamps (7,004 km), Gedda (6,175 km), Las Vegas (6,120 km) e Baku (6,003 km). È una delle piste più affascinanti e impegnative, soprattutto per il pacchetto vettura-pneumatici. Alcune combinazioni di curve, come quella dalla 10 alla 14 – Maggotts, Becketts e Chapel –, si percorrono ad alta velocità e generano forze laterali sulle gomme e sui piloti superiori ai 5g: la media di questo dato del tracciato di Silverstone è analoga a quella registrata su piste come Spa e Suzuka. Questo, insieme ad altre considerazioni tecniche, rende ormai una tradizione, confermata anche quest’anno, che le tre mescole selezionate per questa gara siano le più dure della gamma: la C1 come P Zero hard, la C2 come P Zero medium e la C3 come P Zero soft. L’asse anteriore è il più sollecitato e la prevalenza di curve a destra rende l’anteriore sinistra la gomma più soggetta ad usura.

L’estate inglese è sempre caratterizzata da un’elevata variabilità delle condizioni meteorologiche ed è un fattore da tenere sempre in considerazione, anche perché i cambiamenti possono essere molto repentini. L’anno scorso la gara si svolse integralmente su pista asciutta, con la Soft come protagonista un po’ a sorpresa: soltanto due squadre non la utilizzarono. La mescola più usata fu comunque la Medium, con cui fu completata la metà del chilometraggio complessivo. La grande maggioranza dei piloti adottò una strategia su un solo pit-stop, anche se in passato la doppia sosta fu un’opzione comunque popolare.

L’edizione 2023 vide il debutto di una nuova costruzione dei pneumatici, una soluzione introdotta da Pirelli per far fronte ad un aumento dei carichi registrato nelle prime gare della stagione superiore alla media delle simulazioni fornite dalle squadre l’inverno precedente. Assolutamente trasparente in termini di prestazione, la costruzione ha dimostrato la sua validità e sarà utilizzata fino alla fine del campionato 2024, pur in presenza di un ulteriore incremento dei carichi generato dalle monoposto di quest’anno pari a circa il 10% rispetto alla fine della stagione scorsa.

Solo due Gran Premi sono stati finora sempre presenti nel calendario della massima competizione automobilistica: il Gran Premio d’Italia e, appunto quello di Gran Bretagna. Quella che andrà in scena a Silverstone nel fine settimana sarà quindi l’edizione numero 75, la cinquantottesima che si svolge su questa pista. La gara è stata infatti disputata dodici volte a Brands Hatch e cinque ad Aintree. Inoltre, Silverstone ha ospitato nel 2020 un Gran Premio intitolato al settantesimo anniversario del campionato.

Nonostante la stragrande maggioranza dei team che hanno corso in Formula 1 abbia avuto o abbia ancora la sede in Inghilterra, la squadra che ha vinto più volte questo Gran Premio è la Scuderia Ferrari, prima con 18 successi. Alle sue spalle ci sono la McLaren (14) e la Williams (10). Ferrari prima anche come numero di pole position (16), giri più veloci in gara (20) e piazzamenti sul podio (59). Fra i piloti, il più vincente è Sir Lewis Hamilton, primo in otto Gran Premi di casa, davanti a Jim Clark e Alain Prost, entrambi con cinque successi ciascuno. Il sette volte campione del mondo della Mercedes è primo anche come numero di pole position (7) e piazzamenti sul podio (13) mentre il connazionale Nigel Mansell ha ottenuto il maggior numero di giri più veloci in gara (7).

INFOGRAFICHE

Fonte immagini e testi: Pirelli Motorsport

Leggi anche

Il calendario completo del mondiale 2024

Tutte le ultime News di P300.it

È vietata la riproduzione, anche se parziale, dei contenuti pubblicati su P300.it senza autorizzazione scritta da richiedere a info@p300.it.

#13 | GP UNGHERIA
DATI E PREVIEW
INFO SESSIONI E RISULTATI

19/21 luglio | Budapest
Hungaroring | 70 Giri

#hungariangp

Mappa e Stats
LIBERE
FP1: Ven 13:30-14:30
P1: Sainz
FP2: Ven 17:00-18:00
P1: Norris
FP3: Sab 12:30-13:30
P1: Norris
QUALIFICHE
SKY: Sab 16:00-17:00
(TV8: 18:00)

Pole: Norris

Leggi la Cronaca
GARA
SKY: Dom 15:00
(TV8: 16:30)

Winner: Piastri
P2: Norris
P3: Hamilton
Leggi la Cronaca

Lascia un commento

Devi essere collegato per pubblicare un commento.

COLLABORIAMO CON

P300.it SOSTIENE

MENU UTENTE

REGISTRATI

RICEVI LA NEWSLETTER
Iscriviti per rimanere sempre aggiornato
(puoi sempre iscriverti in seguito)
SOCIAL
Iscriviti sui nostri canali social
per ricevere aggiornamenti live