F1 | GP Giappone, Leclerc penalizzato di 15", finisce settimo dietro Ricciardo

F1 | GP Giappone, Leclerc penalizzato di 15", finisce settimo dietro Ricciardo

La chiamata dai commissari per i fatti del primo giro costa cara a Charles Leclerc. Il pilota monegasco della Ferrari è stato penalizzato di 15" e finisce settimo alle spalle di Daniel Ricciardo nella classifica finale del Gran Premio del Giappone.

Andiamo con ordine. Con un primo comunicato Leclerc è stato penalizzato con cinque secondi per il contatto di curva 2 con Max Verstappen. Il monegasco è stato ritenuto colpevole di aver spinto fuori pista l'olandese, finito poi in testacoda. Oltre a questo Leclerc riceve due punti di penalità sulla patente.

Con un secondo comunicato, invece, il pilota della Ferrari è stato penalizzato di ulteriori 10 secondi per aver guidato in modo non sicuro successivamente all'incidente con l'olandese. Il riferimento è all'ala anteriore rotta nel contatto con la Red Bull, che ha perso poi pezzi sul rettilineo che porta alla 130R. Parte di questi detriti sono stati centrati in pieno dalla Mercedes di Lewis Hamilton, con uno dei pezzi che ha tranciato lo specchietto della monoposto dell'inglese. Inoltre il team è stato multato per 25.000€.

Seguono i due comunicati, mentre qui potete vedere la classifica aggiornata. 

Qui, invece, la classifica del mondiale.

F1 | GP Giappone, Leclerc penalizzato di 15", finisce settimo dietro Ricciardo 1

 

F1 | GP Giappone, Leclerc penalizzato di 15", finisce settimo dietro Ricciardo 2

 

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

DTM | Test a Vallelunga per Audi e BMW

Nelle scorse giornate di mercoledì, giovedì e venerdì, Audi e BMW hanno svolto dei test per l'imminente stagione del DTM.Sul tracciato...

CONDIVIDI

14,496FansLike
865FollowersFollow
1,623FollowersFollow
F1 | GP Giappone, Leclerc penalizzato di 15", finisce settimo dietro Ricciardo 4
Alessandro Secchi
Classe 1983. Ragioniere sulla carta, informatico per necessità, blogger per anni ed ora giornalista pubblicista per passione. Una sedia, una tastiera e tre schermi sono il mio habitat naturale.
"Il mio Michael" è il mio libro su Schumi ma, soprattutto, il mio personale modo di dirgli "Grazie". #KeepFightingMichael, sempre!

ALTRI DALL'AUTORE