F1 | GP Giappone, giallo timing. La classifica è al 52° giro, Perez mantiene la nona posizione

F1 | GP Giappone, giallo timing. La classifica è al 52° giro, Perez mantiene la nona posizione

C’è un piccolo giallo relativo alla classifica finale del Gran Premio del Giappone. Il risultato è infatti stato confermato al termine del 52° giro invece che al 53°, quindi un giro prima rispetto al termine standard.

Pare infatti che per errore sia stato dato il segnale di fine gara sui timing un giro prima del termine della corsa. Per questo la classifica è stata congelata al termine del 52° passaggio, così come successo nel Gran Premio del Canada 2018 quando fu proprio esposta per errore la bandiera a scacchi con una tornata di anticipo.

L’articolo 43.2 infatti recita: “Should for any reason the end‐of‐race signal be given before the leading car completes the scheduled number of laps, or the prescribed time has been completed, the race will be deemed to have finished when the leading car last crossed the Line before the signal was given.”

“Se per qualsiasi ragione il segnale di fine gara dovesse essere dato prima che l’auto in testa completi il numero di giri o che il tempo previsto sia completato, la gara sarà considerata terminata quando l’auto in testa ha passato la bandiera a scacchi per l’ultima volta prima che il segnale sia stato dato.”

Grazie a questo errore, Sergio Perez mantiene la nona posizione con la Racing Point nonostante l’incidente all’inizio dell’ultimo passaggio con la Toro Rosso di Pierre Gasly.

Segue la classifica provvisoria.

F1 | GP Giappone, giallo timing. La classifica è al 52° giro, Perez mantiene la nona posizione 1

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

CONDIVIDI

14,514FansLike
867FollowersFollow
1,634FollowersFollow
F1 | GP Giappone, giallo timing. La classifica è al 52° giro, Perez mantiene la nona posizione 3
Alessandro Secchi
Classe 1983. Ragioniere sulla carta, informatico per necessità, blogger per anni ed ora giornalista pubblicista per passione. Una sedia, una tastiera e tre schermi sono il mio habitat naturale.
"Il mio Michael" è il mio libro su Schumi ma, soprattutto, il mio personale modo di dirgli "Grazie". #KeepFightingMichael, sempre!

ALTRI DALL'AUTORE