F1 | GP Germania: Alfa penalizzate di 30

F1
GP Germania: Alfa penalizzate di 30", a punti Hamilton e Kubica

Raikkonen e Giovinazzi perdono settima ed ottava posizione conquistate ad Hockenheim di 28 Luglio 2019, 21:24

Dopo alcune ore dalla fine del Gran Premio di Germania arriva una penalizzazione per le Alfa Romeo di Kimi Raikkonen ed Antonio Giovinazzi, giunte rispettivamente settima ed ottava nella gara pazza di Hockenheim. Le monoposto hanno rimediato 30" di penalità per un'irregolarità tecnica riscontrata durante le fasi di partenza. 

Il comunicato rilasciato dalla FIA spiega che la frizione su entrambe le Alfa ha convertito la potenza richiesta dal pilota in fase di start in un tempo superiore al consentito, indicato in 70 millesimi di secondo. Sulle monoposto di Raikkonen e Giovinazzi questa conversione è avvenuta rispettivamente in 200 e 300 millesimi. Questo ha creato un ritardo nell'applicazione della coppia che, considerato l'asfalto bagnato, può aver fornito un vantaggio in fase di partenza.

La frizione è controllata da una centralina comune, ma i team hanno comunque la possibilità di variare alcuni parametri. Per evitare che questi tuning mimino una sorta di traction control all'avvio, è stato fissato un limite di 70 millesimi affinché l'input del pilota sia recepito dalla centralina. Gli steward hanno quindi evidenziato una violazione del regolamento che ha portato a questa doppia penalità. Raikkonen e Giovinazzi, quindi, terminano la corsa di Hockenheim in 12a e 13a posizione.

Con questa penalità salgono in settima ed ottava posizione le due Haas di Romain Grosjean e Kevin Magnussen. Lewis Hamilton, grazie alle due posizioni guadagnate, sale dall'undicesima alla nona posizione mentre, a confermare lo status di gara completamente fuori dall'ordinario, arriva il risultato di Robert Kubica. Il polacco, grazie ai ritiri eccellenti di giornata, sale al decimo posto e conquista il suo primo punto iridato dal suo rientro in Formula 1, che corrisponde anche al primo per i team di Grove, rimasto a zero fino ad ora.

Seguono la classifica aggiornata ed il comunicato FIA.


Condividi