F1 | GP Emilia Romagna 2020, Gara, Vettel: “Non il risultato che vogliamo ma questa volta nemmeno quello che meritiamo”

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

Seguono le dichiarazioni di Sebastian Vettel dopo il GP Emilia Romagna 2020

Leggi il resoconto del Gran Premio

Leggi la cronaca

“Abbiamo iniziato la gara con le gomme Medium che erano la mescola migliore da avere oggi dal momento che funzionavano ancora molto bene anche dopo diversi giri. Direi che oggi il passo è stato buono, specie nel primo stint, poi purtroppo abbiamo perso molto tempo al pitstop e questo ha guastato la nostra gara. Nel finale, con la Safety Car, abbiamo montato la gomma Soft per provare a recuperare ma ho fatto molta fatica quando mi sono ritrovato nel trenino in fondo al gruppo. Chiaramente non è il risultato che vogliamo ma questa volta credo nemmeno quello che ci meritiamo. In macchina mi sono sentito a mio agio, anche se più che in gara quest’anno i problemi a livello di sensazioni sono soprattutto in qualifica. Dobbiamo rimanere pazienti a continuare a raccogliere i piccoli progressi che facciamo gara dopo gara. Questo weekend abbiamo mancato l’accesso al Q3 per appena due decimi e dunque anche in questo ambito abbiamo fatto dei progressi. Dobbiamo continuare così perché se riusciremo a partire un po’ più avanti nei prossimi weekend potremo avere delle gare molto diverse sotto il profilo dei risultati”.

Fonte: Ferrari Media

Immagine di copertina: Twitter – Ferrari

P300 MAGAZINE

Continua a seguirci

Avatar of Alessandro Secchi
Alessandro Secchi
Classe 1983. Ragioniere sulla carta, informatico per necessità, blogger per anni ed ora giornalista. Una sedia, una tastiera e tre schermi sono il mio habitat naturale.
"Il mio Michael" è il mio libro su Schumi ma, soprattutto, il mio personale modo di dirgli "Grazie". #KeepFightingMichael, sempre!

P300 MAGAZINE

NEWSLETTER

ULTIMI ARTICOLI

GRUPPI AMICI

Telegram | Passione Motorsport

ALTRI DALL'AUTORE

P300 MAGAZINE

Continua a seguirci