Matomo

F1 | GP Emilia Romagna 2020: anteprima, statistiche, record ed orari TV di Imola

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

Imola torna in F1 dopo 14 anni su un rinnovato circuito Enzo e Dino Ferrari

La Formula 1 torna in Italia per il Gran Premio dell’Emilia Romagna. È il terzo appuntamento stagionale nel nostro paese ed è la prima volta che il circus torna ad Imola dal 2006 quando, sull’Autodromo intolato ad Enzo e Dino Ferrari, si impose Schumacher con la Ferrari.

1° GRAN PREMIO DELL’EMILIA ROMAGNA
IMOLA
Round 13 | 31 ottobre/1 novembre 2020
Gran Premio #1031

Si arriva in Italia dopo l’appuntamento di Portimao in Portogallo vinto da Lewis Hamilton, che ha agguantato la 92esima vittoria in carriera diventando così il pilota più vincente della storia della Formula 1 battendo il record di Schumacher, che aveva eguagliato nell’appuntamento precedente.

Portimao si è rivelato un ottimo circuito apprezzato dagli spettatori e dai piloti e si spera che possa rimanere in calendario anche il prossimo anno, magari sostituendo piste ben poco probanti. In Portogallo si è visto un passo avanti anche da parte della Ferrari. Certo il distacco finale da Hamilton ha superato il minuto, ma finalmente si sono visti dei miglioramenti, sia in qualifica, con l’ottima prestazione di Leclerc, sia in gara con anche Vettel che è riuscito a raggiungere la decima posizione. Ottimo anche il quinto posto finale del francese Gasly che, notizia di queste ore, resterà all’AlphaTauri anche nel 2021. Niente promozione in Red Bull quindi per il vincitore dell’ultimo Gran Premio d’Italia.

Il Gran Premio dell’Emilia Romagna si disputerà all’Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola e non poteva essere altrimenti. Per anni Imola è stato un appuntamento fisso nel calendario iridato: il Gran Premio di San Marino per molto tempo ha segnato l’inizio della stagione europea dopo le prime gare in Australia e Asia. Il tracciato emiliano-romagnolo ha anche ospitato, nel 1980, il Gran Premio d’Italia, nell’unica occasione in cui questo non si è svolto a Monza.

PORTE CHIUSE

Purtroppo la notizia di questi minuti era quella che in tanti attendevano. A fronte dell’ultimo DPCM il Gran Premio si svolgerà a porte chiuse.


L’ultimo appuntamento con le Formula 1 ad Imola risale al 2006 e rispetto ad allora il tracciato è rimasto pressoché identico, ad eccezione dell’eliminazione della Variante Bassa; il che vuol dire che dall’uscita della seconda curva della Rivazza le vetture avranno il gas completamente aperto fino al Tamburello, teatro nel 1994 del tragico incidente che costò la vita ad Ayrton Senna. Il circuito di Imola è sempre stato tecnicamente molto interessante, veniva in passato chiamato “piccolo Nurburgring” per via dei saliscendi e della complessità delle curve. Purtroppo con l’evolversi delle vetture negli ultimi anni in cui si è corso qui le gare erano divenute abbastanza noiose e poco interessanti.

Una novità di questo weekend è che si disputerà su soli due giorni, in parole povere una sola sessione di prove libere di 90 minuti al sabato mattina, poi le qualifiche e domenica come sempre la gara. Ufficialmente il motivo è la difficoltà logistica per i team di portare tutto il materiale dal Portogallo in Italia in pochi giorni. In realtà, non è un mistero, si tratta della prova generale di un’idea che da anni gira tra gli addetti ai lavori: ridurre il weekend a due giorni in modo da poter ampliare il calendario. Calendario che, nella bozza 2021, prevede ben 23 appuntamenti.

La Pirelli per questa gara porterà gomme di mescola C2, C3 e C4.

LA MAPPA

Emilia_Romagna_Circuit.png

I NUMERI DEL GRAN PREMIO

Nazione: Italia
Circuito: Autodromo Enzo e Dino Ferrari
Lunghezza del circuito: 4,909 km
Giri da percorrere: 63
Distanza totale: 309,049 km
Numero di curve: 19
Senso di marcia: antiorario
Mescole Pirelli: C2 (Dura), C3 (Media), C4 (Soft)

RECORD

Non ci sono record da segnalare in quanto si tratta della prima edizione di questo Gran Premio ed il tracciato è cambiato rispetto al 2006.

GLI ORARI

ULTIMI ARTICOLI

MONOPOSTO by SAURO

Avatar of Alessandro Secchi
Alessandro Secchi
Classe 1983. Ragioniere sulla carta, informatico per necessità, blogger per anni ed ora giornalista pubblicista per passione. Una sedia, una tastiera e tre schermi sono il mio habitat naturale.
"Il mio Michael" è il mio libro su Schumi ma, soprattutto, il mio personale modo di dirgli "Grazie". #KeepFightingMichael, sempre!

ALTRI DALL'AUTORE