Matomo

F1 | GP d’Ungheria 2018: griglia di partenza, penalità, set a disposizione

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

Segue la griglia di partenza del Gran Premio d’Ungheria 2018, che scatterà alle ore 15.10 sull’Hungaroring di Budapest.

Pole position sul bagnato per Lewis Hamilton in 1:35.658 davanti al compagno Valtteri Bottas, per una doppietta Mercedes inaspettata dopo i problemi patiti sull’asciutto. A Budapest oggi c’è il sole e quindi i favori potrebbero tornare per le Ferrari, che occupano la seconda fila con Kimi Raikkonen davanti a Sebastian Vettel. 

Terza fila per due outsider: quinto posto per Carlos Sainz con la Renault e sesto per la Toro Rosso di Pierre Gasly. Quarta fila per la Red Bull di Max Verstappen e l’altra Toro Rosso di Brendon Hartley. Quinta fila per le due Haas di Kevin Magnussen e Romain Grosjean.
[spacer color=”CCCCCC” icon=”Select a Icon” style=”1″]

PENALITÁ

L’unica nota da segnalare è la partenza di Lance Stroll dalla pitlane, dopo la sostituzione dell’ala anteriore rotta ieri in qualifica. L’ala era nuova e sulla Williams ne verrà montata una di vecchia specifica.
[spacer color=”CCCCCC” icon=”Select a Icon” style=”1″]

LA GRIGLIA

Segue la griglia completa degli ultimi aggiornamenti, con Lance Stroll che partirà dalla Pitlane.

F1 | GP d'Ungheria 2018: griglia di partenza, penalità, set a disposizione 1
[spacer color=”CCCCCC” icon=”Select a Icon” style=”1″]

LE GOMME A DISPOSIZIONE

Ecco i set a disposizione dei piloti per la gara dopo le prove libere e le qualifiche.
F1 | GP d'Ungheria 2018: griglia di partenza, penalità, set a disposizione 2

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

WTCR | Adria non ospiterà l’ultimo round della stagione

I lavori di rinnovamento del circuito sono in ritardo, si valutano altre opzioni A...
F1 | GP d'Ungheria 2018: griglia di partenza, penalità, set a disposizione 3
Alessandro Secchi
Classe 1983. Ragioniere sulla carta, informatico per necessità, blogger per anni ed ora giornalista pubblicista per passione. Una sedia, una tastiera e tre schermi sono il mio habitat naturale.
"Il mio Michael" è il mio libro su Schumi ma, soprattutto, il mio personale modo di dirgli "Grazie". #KeepFightingMichael, sempre!

ALTRI DALL'AUTORE