F1 | GP d’Austria, FP1: Rosberg in testa, pericolo cordoli

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

E’ Nico Rosberg il più veloce nella prima sessione di prove libere del Gran Premio d’Austria, nona prova del mondiale di Formula 1. Il pilota tedesco della Mercedes, che guida la classifica iridata, ha girato con il tempo di 1:07.373 sul Red Bull Ring, con tre decimi e mezzo di vantaggio rispetto al compagno e campione in carica Lewis Hamilton.

La coppia Ferrari con Sebastian Vettel (che sarà penalizzato di cinque posizioni in griglia per la sostituzione del cambio) e Kimi Raikkonen ha ottenuto la terza e la quarta posizione, staccata di 6 decimi e mezzo (il tedesco) e otto decimi e mezzo (il finlandese).

La sessione è stata caratterizzata da alcune polemiche riguardanti le vie di fuga. All’esterno dei cordoli sono stati posizionati dei dossi aggiuntivi, con l’intento di scoraggiare i piloti ad uscire troppo dal cordolo principale, che hanno creato problemi già da ieri con la Safety Car, la quale ha riportato danni alle ruote di sinistra.

Durante la FP1, Max Verstappen è quello che ci ha rimesso di più, rompendo il tirante dello sterzo di destra ed essendo costretto a lasciare nella ghiaia la sua Red Bull. Ma altri piloti hanno avuto problemi su questi piccoli dossi che possono costituire un pericolo per le vetture.

In attesa di capire se verrà operata qualche modifica al tracciato, si attende anche la pioggia sul Red Bull Ring, che dovrebbe fare presenza sia oggi che domani pomeriggio.

Seguono i tempi di sessione.

photo_2016-07-01_11-42-49

ULTIMI ARTICOLI

MONOPOSTO by SAURO

Avatar of Alessandro Secchi
Alessandro Secchi
Classe 1983. Ragioniere sulla carta, informatico per necessità, blogger per anni ed ora giornalista pubblicista per passione. Una sedia, una tastiera e tre schermi sono il mio habitat naturale.
"Il mio Michael" è il mio libro su Schumi ma, soprattutto, il mio personale modo di dirgli "Grazie". #KeepFightingMichael, sempre!

ALTRI DALL'AUTORE