F1 | GP Città del Messico 2021, la cronaca della gara

Max Verstappen vince davanti ad Hamilton e Perez il GP Città del Messico 2021

Segue la cronaca del GP Città del Messico 2021, vinto da Max Verstappen (Red Bull) davanti a Lewis Hamilton (Mercedes) e Sergio Pérez (Red Bull).

Giro 1 | Partono bene le due Mercedes ma Verstappen prende benissimo la scia a Bottas che, anziché chiudergli la porta, si sposta verso il centro consentendo a Max di passare all’esterno con una grandissima staccata in curva 1. Anche Hamilton passa Bottas all’interno. Il finlandese viene poi toccato da dietro da Ricciardo e finisce in testacoda, mentre l’australiano della McLaren perde l’ala anteriore. I due finiscono in fondo al gruppo. A causa del caos venutosi a creare in uscita da curva 1, avviene un altro contatto tra Ocon, Schumacher e Tsunoda con gli ultimi due costretti al ritiro e l’uscita della Safety Car resa necessaria.

Giro 2 | I primi dieci alla fine del primo giro sono: Verstappen, Hamilton, Perez, Gasly, Leclerc, Giovinazzi – quest’ultimi bravi ad approfittare dell’incidente in uscita da curva 1 – Sainz, Vettel, Russell e Raikkonen.
Giro 5 | Safety Car ending e bandiera verde: Verstappen riesce a scappare sul dritto e mettersi al sicuro da Hamilton, Sainz passa Giovinazzi in staccata di curva 1 ed in fondo Ricciardo riesce a superare Bottas sul dritto. Verstappen prova subito a fare il vuoto.
Giro 6 | Max allunga il suo distacco già oltre i 2 secondi.
Giro 9 | Raikkonen passa all’esterno Russell in curva 1 e si porta in P9. Verstappen ha ampliato il margine a 3 secondi.
Giro 10 | Anche Alonso passa Russell, con la stessa manovra di Kimi, per la P10. Hamilton migliora i suoi parziali e allunga leggermente su Perez portandosi a oltre 3 secondi dal messicano.
Giro 11 | Verstappen fa segnare il GPV in 1.20:958, il primo a scendere sotto l’1.21. Il primo ad effettuare il pit stop è Latifi.
Giro 12 | Lo segue Stroll che si trovava in lotta proprio con il canadese della Williams
Giro 13 | Verstappen allarga il gap a 4.5 secondi, il suo ritmo sembra inarrivabile per Lewis.
Giro 14 | Hamilton sembra in difficoltà sui suoi pneumatici e ciò consente a Perez di riavvicinarsi a 2.4 secondi.
Giro 15 | Pit stop per Ocon, unico in pista su gomme soft. Norris sorpassa Russell e si porta in P11. Perez scende sotto i 2 secondi di distacco da Hamilton. Gasly e le due Ferrari non riescono a mantenere il passo dei primi tre ma allungano sul resto del gruppo.
Giro 16 | Il gap di Verstappen su Hamilton sale oltre i 6 secondi. Pit stop per Giovinazzi che finisce alle spalle del duo Ricciardo – Bottas. Pit anche per Russell.
Giro 19 | Verstappen segna il GPV in 1.20:685 che gira ben 1 secondo più veloce di Hamilton.
Giro 22 | Aumenta ancora il distacco tra i primi due – 8 secondi. Giovinazzi sembra apparentemente bloccato dietro a Ricciardo e Bottas e non riesce ad esprimere un buon ritmo. Le due Ferrari incrementano il passo scendendo sotto l’1.22 e provano a riavvicinarsi a Gasly.
Giro 25 | Verstappen va in gestione gomme e mantiene un passo più sostenibile per gli inseguitori. Bottas prova continuamente a farsi vedere negli specchietti di Ricciardo senza mai riuscire ad affondare il colpo, bloccando nella sua rimonta.
Giro 26 | Sbavatura per Leclerc che stava provando a mettere pressione su Gasly, ma si riporta così a 3.8 secondi.
Giro 28 | Perez scende sotto i 2 secondi da Lewis. I due sono lontani 9 secondi da Verstappen, ormai in attesa che Mercedes richiami Hamilton ai box per coprire la sua strategia.
Giro 30 | Arriva il pit stop di Hamilton (2.4 secondi) che monta gomme dure nuove ed esce dietro Leclerc in P5.

Giro 31 | Pit stop anche per Leclerc (2.3 secondi) per provare l’undercut su Gasly. Gomme dure anche per lui.
Giro 32 | Hamilton realizza il GPV in 1.19:953 e guadagna così 2 secondi sulle due Red Bull. Gasly effettua il suo pit stop per coprirsi dal tentativo di undercut di Ferrari. Pneumatici duri anche per il francese dell’Alpha Tauri.
Giro 33 | Pit stop per Verstappen (2.2 secondi) che monta gomme dure e rientra in pista con 7.5 secondi di vantaggio su Hamilton.

Giro 34 | Perez è passato così in testa nella bolgia del pubblico di casa in festa.
Giro 35 | Tra i primi dieci devono ancora fermarsi solo Perez, Sainz, Alonso e Norris.
Giro 36 | Perez e Sainz fanno segnare i loro migliori parziali su gomme con più di 35 giri di utilizzo.
Giro 39 | Max si riavvicina molto a Perez con un ritmo impressionante.
Giro 40 | Anche Alonso effettua il suo pit stop. I primi 10 dopo 40 giri sono: Perez, Verstappen, Hamilton, Sainz, Gasly, Leclerc, Norris, Vettel, Raikkonen, Alonso.
Giro 41 | Pit stop per Perez (gomme dure) che esce in P3 a 9.8 secondi da Hamilton.

Giro 42 | Continua la domenica disastrosa di Bottas con un pit stop lentissimo – 11.7 secondi!
Giro 43 | GPV per Perez in 1.19:659, inizia la caccia ad Hamilton. Pit stop anche per Carlos Sainz che monta gomme dure.
Giro 44 | Il gap tra Hamilton e Verstappen supera i 10 secondi. Lando Norris è l’ultimo ad effettuare la prima sosta ed esce in P10.
Giro 46 | Perez continua a spingere e scende a 6.7 secondi di gap da Hamilton.
Giro 49 | Graining per Leclerc che perde tanto terreno da Gasly – più di 6 secondi – e viene rimontato dal compagno di squadra Sainz. GPV di Perez in 1.19:468, gap sotto i 6 secondi da Hamilton.
Giro 51 | Continua a guadagnare molto Checo su Lewis, apparentemente in difficoltà e finito ormai oltre i 12 secondi da Max.
Giro 52 | GPV per Verstappen in 1.18:999, l’olandese vuole anche il punto addizionale.
Giro 53 | Aumenta ancora il graining per Leclerc che rallenta tantissimo. Gasly è, a questo punto, nella terra di nessuno in P4 indisturbato.
Giro 55 | Il gap di Perez da Hamilton scende a 3.1 secondi.
Giro 59 | Hamilton è ormai a tiro di Perez. Dai box chiedono a Leclerc di scambiare la posizione con Sainz che con gomme più fresche può provare ad attaccare Gasly. Il monegasco esegue amaramente.

Giro 60 | Perez è incollato agli scarichi di Lewis nella zona dello stadio.Il messicano apre il DRS sul rettilineo principale ma non riesce a sferrare l’attacco.
Giro 62 | Anche con DRS aperto Checo non si avvicina abbastanza a Lewis in staccata e sembra mollare la presa per il momento
Giro 63 | Hamilton si risveglia e prova a staccare Perez. Sainz migliora sensibilmente il suo ritmo e accorcia su Gasly a meno 8.5 secondi.
Giro 65 | Pit stop per Bottas, Mercedes tenta di soffiare il punto del GPV a Verstappen.
Giro 66 | Hamilton aumenta il gap nei confronti di Perez a 2 secondi e sembra mettersi al sicuro.
Giro 67 | Bottas mentre provava il GPV trova il traffico proprio di Verstappen nell’ultimo settore – errore per lui allo stadio.
Giro 69 | Perez nuovamente molto vicino ad Hamilton: sotto il secondo il distacco e DRS aperto in rettilineo ma ancora troppo distante in staccata. Bottas viene nuovamente fermato per un secondo tentativo di GPV senza traffico. Sainz fa ripassare davanti Leclerc dopo aver desistito nella rimonta a Gasly per la P4.
Giro 70 | Perez sempre vicinissimo a Lewis ma non trova l’occasione giusta per attaccare.
Giro 71 | Verstappen doppia la Ferrari di Sainz – delusione per Maranello viste le aspettative della vigilia. Perez aggressivo in curva 4 su Hamilton ma non c’è lo spazio per affondare la staccata all’interno. Ci riprova nella zona dello stadio senza riuscire.

Nel frattempo Max Verstappen taglia il traguardo in testa andandosi a prendere la nona vittoria stagionale e allungando a 19 punti il distacco in classifica piloti su Lewis Hamilton. Quest’ultimo è giunto dunque secondo al traguardo davanti a Sergio Perez, terzo, primo messicano a conquistare il podio in terra natale. Chiudono la top ten Gasly, Leclerc, Sainz, Vettel, Raikkonen, Alonso e Norris.

Immagine di copertina: Twitter – Red Bull Racing Honda

SHARE

SUBSCRIBE

TOP

LATEST

LEGGI ANCHE

F1

FEEDER SERIES

RUOTE COPERTE

RALLY

USA

FULL ELECTRIC

MOTOMONDIALE

SUPERBIKE/SSP

MOTOCROSS