F1 | GP Canada 2024: le infografiche post qualifiche Pirelli

F1 | GP Canada 2024: le infografiche post qualifiche Pirelli

ComunicatiF1GP CanadaGran Premi
Tempo di lettura: 4 minuti
di Alessandro Secchi @alexsecchi83
9 Giugno 2024 - 08:30
Home  »  ComunicatiF1GP CanadaGran Premi

Segue l’analisi Pirelli delle qualifiche del GP Canada 2024

È George Russell il pole man del Gran Premio del Canada. Il pilota della Mercedes è stato il più veloce nella sessione di qualifica di oggi, anche se non è stato il suo 1’11”742 ad avergli garantito la partenza al palo nella gara di domani. Infatti, questo crono è stato ottenuto in Q2 mentre in Q3 Russell si è fermato sull’1’12” netto, peraltro imitato al millesimo da Max Verstappen: aver ottenuto il tempo prima dell’olandese ha dato al pilota della Mercedes una pole inaspettata alla vigilia ma che nel corso del weekend era sembrata sempre più possibile. Al terzo posto si è piazzato Lando Norris, staccato solamente di 21 millesimi di secondo dalla coppia di testa.

Questa è la seconda pole della carriera di Russell dopo quella dell’Hungaroring 2022. Proprio in Ungheria, ma lo scorso anno, la Mercedes aveva acquisito il diritto di ricevere il ruotino Pirelli destinato al poleman, in quell’occasione grazie a Lewis Hamilton. Sono salite così a 138 le pole della squadra anglo-tedesca, di cui sei conquistate a Montreal.

Oggi il Pirelli Pole Position Award è stato consegnato a Russell da Liza Koshy. L’attrice americana è nel cast di “A family affair”, il nuovo film Netflix con Nicole Kidman e Zac Efron. Salita alla ribalta come Youtuber, Liza è stata inserita nel 2019 da Forbes nella lista dei 30 Under 30 più promettenti di Hollywood e da Time nella lista delle 25 persone più influenti su internet.

LA GIORNATA IN PISTA

La terza sessione di prove libere è stata molto intensa perché per la prima volta nel fine settimana la pista è rimasta asciutta per tutti i sessanta minuti, consentendo così alle squadre e ai piloti di cercare di recuperare, almeno in parte, il tempo perduto ieri. Le condizioni dell’asfalto sono andate progressivamente e velocemente migliorando coi tempi che si sono abbassati fino ad arrivare a meno di un secondo da quella che era la pole position stimata in base alle simulazioni della vigilia (1’11”7). Le squadre si sono concentrate sulle due mescole più morbide, effettuando diversi long run con tanta benzina a bordo sulla Medium e privilegiando ovviamente la Soft per quanto riguarda i cosiddetti performance run.

La qualifica è iniziata con pista asciutta e non sono state sufficienti alcune gocce cadute nella seconda parte a rendere necessario l’utilizzo delle gomme da bagnato. Il previsto temporale si è progressivamente indebolito man mano che si avvicinava al circuito ed è così passato senza causare problemi durante la sessione. L’incertezza sull’evoluzione delle condizioni meteorologiche ha però portato squadre e piloti a cercare di sfruttare appieno la durata di ogni segmento della sessione, allungando la lunghezza dei run molto più di quanto non accada in condizioni normali.

Leggi il resoconto delle Qualifiche

Leggi la cronaca

INFOGRAFICHE

PARLA MARIO ISOLA

“È stata una qualifica serratissima dal primo all’ultimo minuto, con un equilibrio incredibile, simboleggiato dal fatto che i primi due della classifica finale hanno fatto segnare lo stesso tempo nonché dalla circostanza che nella top ten figurino piloti di ben sei diverse squadre. Finora è stato un fine settimana contrassegnato dalle mutevoli condizioni meteorologiche e tutto lascia prevedere che anche domani accada la stessa cosa. Nonostante oggi si sia sempre girato su una pista asciutta, i dati raccolti sono comunque molto limitati, visto che le squadre hanno potuto fare dei long run solamente nella terza sessione di prove libere. Come prevedibile, la pista – completamente riasfaltata rispetto allo scorso anno – è ancora molto acerba ed è soggetta ad un’evoluzione molto marcata. Ciò ha determinato anche un’incidenza piuttosto significativa del graining, in particolare sulla Medium che è stata la mescola usata quasi da tutti per i long run. Pertanto, diventa sempre più probabile che – in caso di gara asciutta – la strategia più efficace sia quella basata su due pit-stop, con la prevalenza di utilizzo di due set di Hard: non è un caso che sette squadre ne abbiano ancora a disposizione due set per ciascun pilota. La strategia su una singola sosta, utilizzando una combinazione di Medium e Hard, è sulla carta possibile ma è molto marginale: non è escluso che qualcuno possa provare ad iniziare la gara con questo obiettivo mantenendosi comunque flessibile per passare alla sosta doppia.

Fonte immagini e testi: Pirelli Motorsport

Leggi anche

Il calendario completo del mondiale 2024

Tutte le ultime News di P300.it

È vietata la riproduzione, anche se parziale, dei contenuti pubblicati su P300.it senza autorizzazione scritta da richiedere a info@p300.it.

#13 | GP UNGHERIA
DATI E PREVIEW
INFO SESSIONI E RISULTATI

19/21 luglio | Budapest
Hungaroring | 70 Giri

#hungariangp

Mappa e Stats
LIBERE
FP1: Ven 13:30-14:30
FP2: Ven 17:00-18:00
FP3: Sab 12:30-13:30
QUALIFICHE
SKY: Sab 16:00-17:00
(TV8: 18:00)
GARA
SKY: Dom 15:00
(TV8: 16:30)

Lascia un commento

Devi essere collegato per pubblicare un commento.

COLLABORIAMO CON

P300.it SOSTIENE

MENU UTENTE

REGISTRATI

RICEVI LA NEWSLETTER
Iscriviti per rimanere sempre aggiornato
(puoi sempre iscriverti in seguito)
SOCIAL
Iscriviti sui nostri canali social
per ricevere aggiornamenti live