F1 | GP Brasile, Ricciardo: la strategia aggressiva non ha funzionato

F1 | GP Brasile, Ricciardo: la strategia aggressiva non ha funzionato

Daniel Ricciardo non è rimasto molto contento del Gran Premio del Brasile, soprattutto perché la strategia elaborata non ha contribuito a movimentare una gara di per sé noiosa.

“Nei primi tre giri, eravamo riusciti a recuperare un po’ di posizioni, poi abbiamo puntato a una strategia aggressiva, anche se poi abbiamo scoperto di non avere la durata delle gomme che speravamo, quindi siamo stati costretti a fare una gara a tre soste”.

“I nostri piani era di farla molto aggressiva, quella gara, ma non ha funzionato e abbiamo dovuto cambiare strategia. Comunque parte della gara è stata molto noiosa, poi ho avuto una bella lotta con Sergio Perez per qualche gara, mi ha tenuto vivo l’entusiasmo”.

Ha aggiunto: “Non avevamo un grande vantaggio di cui fare tesoro, quindi tutto quello che abbiamo dovuto fare è stato aspettare il degrado delle gomme di Perez, e poi siamo stati in grado di attaccarlo”.

“Siamo stati in grado di prendere Perez, ma gli altri piloti no. È stato divertente fintanto che è durato, ma non è stata una gara entusiasmante”.

L’australiano, in ultima battuta, guarda al 2016, con l’augurio che le gare siano più entusiasmanti: “Manca ancora una gara, ma speriamo che le gare, l’anno prossimo, siano più divertenti, sia per i piloti, che per i fan”.

“Lo scorso anno è stato piuttosto divertente, e quest’anno invece è stato molto stagnante, i soliti tre sul podio… Quindi è normale che tutti vogliano vedere un po’ di cambiatmento” ha concluso.

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

CONDIVIDI

14,518FansLike
870FollowersFollow
1,633FollowersFollow
F1 | GP Brasile, Ricciardo: la strategia aggressiva non ha funzionato 2
Alessandra Leoni
Classe 1989. Appassionata di F1, MotoGP e Superbike sin dalla più tenera età. Le piace tradurre, blaterare, leggere.

ALTRI DALL'AUTORE