F1 | GP Brasile, FP1: Albon al top col botto nel bagnato di Interlagos

È di Alexander Albon il miglior tempo nella prima sessione di prove libere del Gran Premio del Brasile 2019.

Il pilota della Red Bull ha girato in 1:16.142 andando, però, a picchiare sul finire di sessione. La prima ora e mezza di prove è stata infatti condizionata dall’asfalto bagnato, che ha costretto i piloti a girare con gomme full wet e poi intermedie praticamente fino a cinque minuti dal termine.

Il tentativo di far segnare un tempo con le slick ha fatto però vittime: quasi tutti i piloti impegnati nel primo giro sono stati vittime di uscite di pista e testacoda con Albon che, alla curva Junção, è andato lungo non riuscendo a fermare la sua monoposto sull’erba bagnata e in discesa. La Red Bull ha riportato danni all’ala anteriore ed alla sospensione anteriore destra. La sessione è stata quindi fermata ad un minuto e mezzo dal termine con la bandiera rossa.

Poco da dire dal punto di vista dei tempi: Valtteri Bottas è secondo con la Mercedes a mezzo secondo e mezzo da Albon. Seguono le Ferrari di Vettel e Leclerc, con il monegasco che ha girato soprattutto ad inizio sessione per fare esperienza sul bagnato. Leclerc, tra l’altro, sconterà 10 posizioni di penalità in griglia per la sostituzione di alcune componenti del motore termico sulla sua PU dopo i problemi di Austin.

Carlos Sainz è quinto con la McLaren davanti alle Renault di Hulkenberg e Ricciardo ed alle Toro Rosso di Gasly e Kvyat. Lando Norris chiude la top ten. 

Nessun tempo per Grosjean, Perez, Verstappen e per il campione in carica Lewis Hamilton.

Seguono i tempi di sessione.

F1 | GP Brasile, FP1: Albon al top col botto nel bagnato di Interlagos 1

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

CONDIVIDI

925FollowersFollow
1,690FollowersFollow
F1 | GP Brasile, FP1: Albon al top col botto nel bagnato di Interlagos 3
Alessandro Secchi
Classe 1983. Ragioniere sulla carta, informatico per necessità, blogger per anni ed ora giornalista pubblicista per passione. Una sedia, una tastiera e tre schermi sono il mio habitat naturale.
"Il mio Michael" è il mio libro su Schumi ma, soprattutto, il mio personale modo di dirgli "Grazie". #KeepFightingMichael, sempre!

NEWSLETTER

Resta aggiornato su P300.it iscrivendoti alla nostra mailing list

ALTRI DALL'AUTORE