F1 | GP Belgio 2022: le infografiche post libere Pirelli

di Redazione P300.it @p300it
27 Agosto 2022 - 10:50

Segue l’analisi Pirelli delle prove libere del GP Belgio 2022

In una giornata fresca e nuvolosa a Spa, dove la temperatura della pista ha sfiorato appena i 23 gradi, il pilota Red Bull Max Verstappen è stato il più veloce nelle FP2 su P Zero Red soft, ma non sarà in gara per partire dalla pole, il suo il team ha infatti confermato che domenica dovrà scontare alcune penalità in griglia insieme ad altri piloti. Carlos Sainz (Ferrari) è stato il più veloce in FP1.

Per tutta la giornata si è verificata una pioviggine intermittente, che ha portato a delle brevi uscite su Cinturato Green intermediate e sulle tre mescole slick. La maggior parte dell’attività si è svolta su gomme da asciutto, con le soft che hanno fatto segnare il miglior tempo in entrambe le sessioni.

Con il nuovo asfalto liscio, le nuove vie di fuga in ghiaia e un alto grado di evoluzione della pista, i piloti hanno avuto molto a cui abituarsi. L’evoluzione della pista oggi rende difficile calcolare i gap tra le mescole, ma attualmente c’è un divario stimato di circa 0,9 secondi tra hard e medium e di 0,6 secondi tra medium e soft. Il gap relativamente ampio tra hard e medium va considerato nel contesto del giro più lungo del calendario.

Leggi il resoconto delle FP1

Leggi il resoconto delle FP2

INFOGRAFICHE

F1 | GP Belgio 2022: le infografiche post libere Pirelli
F1 | GP Belgio 2022: le infografiche post libere Pirelli

PARLA SIMONE BERRA, CHIEF ENGINEER

“È stato difficile trarre conclusioni oggi con una decisa evoluzione della pista e il meteo variabile che ha reso la superficie ‘verde’ e scivolosa. Il nuovo asfalto è abbastanza liscio e non offre lo stesso grip di quando l’abbiamo misurato subito dopo la 24 Ore di Spa qualche settimana fa. Tuttavia, è probabile che la situazione evolva nel corso del fine settimana man mano che nuova gomma si depositerà in pista. Il clima fresco di oggi ha favorito l’utilizzo della soft, che comunque non ha mostrato graining. Non ci aspettiamo temperature molto alte per il Gran Premio, il che potrebbe anche significare che le mescole più morbide potrebbero avere un ruolo importante in gara a seconda del livello di degrado”.

Fonte immagini e testi: Pirelli Motorsport