F1 | GP Belgio 2021: anteprima Pirelli

La Formula 1 torna in pista dopo la pausa estiva con le mescole centrali della gamma per il Gran Premio del Belgio a Spa-Francorchamps, prima gara della seconda tripletta di questa stagione. In Belgio, la C2 sarà P Zero White hard, la C3 la P Zero Yellow medium e la C4 la P Zero Red soft.

Questa nomination è la stessa dell’anno scorso che era uno step più morbida rispetto a quella del 2019.

Il circuito di Spa, considerato uno dei più emozionanti del calendario, presenta diverse sfide in quello che è il giro di pista più lungo della stagione.

Spa – situata ai piedi delle Ardenne – è notoriamente sinonimo di meteo variabile, che può cambiare anche nelle diverse sezioni del circuito. La gara dell’anno scorso si è disputata sull’asciutto, ma c’è sempre una possibilità alta che a un certo punto del fine settimana i Cinturato da bagnato possano entrare in azione.

Le forze a cui sono sottoposti i pneumatici nel GP del Belgio sono notevoli, in particolare nella famosa Eau Rouge-Raidillon: in questo punto, che è uno dei più veloci del tracciato, i pneumatici sono soggetti a un’intensa compressione e a grandi forze g.

Il rettilineo del Kemmel, lungo circa 800 metri, ha l’effetto di raffreddare i pneumatici, e questo influisce sul grip nelle curve successive. Nel tratto dall’uscita di La Source fino a Les Combes (che segue il rettilineo del Kemmel) si copre una distanza di oltre due chilometri senza nessuna frenata.

Lo scorso GP del Belgio è stato vinto con una strategia a una sosta medium-hard, la stessa adottata da tutti e tre i piloti a podio. Il cambio è stato effettuato durante un lungo regime di safety car, iniziato all’undicesimo giro, che ha fortemente influenzato la strategia. Tutti i piloti tranne due hanno fatto un pit stop in questo frangente.

INFOGRAFICHE

F1 | GP Belgio 2021: anteprima Pirelli
F1 | GP Belgio 2021: anteprima Pirelli
F1 | GP Belgio 2021: anteprima Pirelli

PARLA MARIO ISOLA

“Il GP del Belgio è la nostra terza visita a Spa nel giro di un mese, ma in contesti molto diversi: prima per la 24 Ore di Spa, poi per il Rally di Ypres – che ha avuto la sua giornata finale proprio a Spa – e adesso per la Formula 1. Le sfide di questa pista, specialmente in relazione alla variabilità del meteo, sono risapute, così come i carichi a cui sono sottoposti i pneumatici. L’anno scorso i primi tre classificati hanno superato le qualifiche con mescola medium mentre la soft, pur garantendo un grip maggiore, ha richiesto più gestione, motivo per cui non è stata la scelta preferita per la gara. La maggior parte dei piloti è passata da medium a hard con un pit stop in regime di safety car, entrata in scena all’undicesimo giro. Quindi potremmo vedere un mix interessante di strategie quest’anno”.

Fonte immagini e testi: Pirelli Motorsport

CANALI TEMATICI SU TELEGRAM

NEWSLETTER

P300 MAGAZINE

PARTNERS

GRUPPI AMICI

ULTIMI ARTICOLI

COMMENTA

  1. Perché non puntare su pneus più morbide,in modo da avere più performance e una sosta o due in più,magari? Spesso entra la SC in Belgio; con compound più morbide,si avrebbero più variabili. Mi sembra una cosa abbastanza gnocca e semplice per avere,sia prestazione,sia quello spettacolo che tutti vogliono,invece di volere belle gare. In USA,molte più soste; dovrebbe piacere a Liberty Media!
    Ma non si sa cosa vogliano; tranne che vinca sempre lo stesso. Vedi CONGELAMENTI.
    FiA, credibilità ZERO. Buona F1; ammesso che sia ancora tale…

    • Direi che i problemi di questa F1 sono ben altri. Anzi, aumentare il numero di soste obbligatorie non credo sia la soluzione migliore. Sarebbe proprio una cosa da togliere l’obbligo del pit, ed è uno dei TANTI problemi di questa F1.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ALTRI DALL'AUTORE

CANALI TEMATICI SU TELEGRAM