Matomo

F1 | GP Belgio 2020, gara: Hamilton fa 89 su Bottas e Verstappen. Disfatta Ferrari: Vettel 13°, Leclerc 14°

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

L’inglese comanda indisturbato, con un solo giallo gomme nel finale. Meno due vittorie dal record di Schumacher

Lewis Hamilton è a meno due dal record di vittorie di Michael Schumacher. L’inglese campione in carica della Mercedes vince il Gran Premio del Belgio 2020 davanti a Valtteri Bottas e Max Verstappen, dominando dall’inizio alla fine. Solo un piccolo giallo nel finale fa temere per le sorti dei primi.

La Safety Car entrata in pista nel corso del 12° giro per il brutto incidente con protagonisti Antonio Giovinazzi e George Russell (per fortuna illesi) obbliga tutti a fermarsi in anticipo per montare gomme dure. Si ripresenta, quindi, il caso del GP di Gran Bretagna, con i piloti che nel finale devono gestire le coperture per non incorrere in forature. Per fortuna questa volta non accade nulla e così Hamilton può tagliare il traguardo vincitore con oltre otto secondi su Bottas e 15 sull’olandese della Red Bull, unico comunque a far qualcosa per mantenere il passo delle Mercedes.

Miglior gara da anni a questa parte della Renault, che porta Daniel Ricciardo in quarta posizione con il giro più veloce ed Esteban Ocon in quinta. Davvero un risultato di rilievo per il team francese, dopo un paio di stagioni deludenti e dopo le settimane tese per la diatriba Racing Point.

Sesta posizione per Alex Albon con la seconda Red Bull, autore di uno stint da oltre trenta giri con gomma media che gli rende onore. Solo nel finale il thailandese ha dovuto cedere il passo al più veloce Ocon, tenendo invece dietro di lui la McLaren di Lando Norris.

Il premio di migliore di giornata va a Pierre Gasly, autore di una bellissima gara a bordo dell’AlphaTauri. Rimasto fuori insieme a Perez durante il periodo di Safety Car, il francese ha recuperato dal fondo fino all’ottava posizione, mettendosi alle spalle le Racing Point di Stroll e del messicano, oltre alla vettura gemella di Daniil Kvyat, primo dei piloti fuori dai punti.

Disastro totale Ferrari: In due terzi di gara Sebastian Vettel rimedia un minuto e 13 secondi di distacco da Hamilton, chiudendo in tredicesima posizione. Charles Leclerc, afflitto da problemi di pressione idraulica e costretto ad una seconda sosta per ricaricare il circuito, giunge alle spalle del compagno in quattordicesima piazza. Dietro le Ferrari i soli Grosjean con la Haas, Latifi con la Williams e Magnussen con l’altra monoposto del team americano. Una domenica storica in negativo per il team di Maranello, che in queste condizioni dovrà affrontare nei prossimi 15 giorni i Gran Premi d’Italia a Monza e di Toscana al Mugello.

Ritirati, come detto, Giovinazzi e Russell. Carlos Sainz, per problemi alla Power Unit, non è nemmeno partito.

Hamilton sale a 157 punti in classifica davanti a Verstappen (110) e Bottas (107).

Segue il risultato di gara, a seguire successivamente la cronaca di completa.

Immagine di copertina: Twitter – Mercedes

ULTIMI ARTICOLI

MONOPOSTO by SAURO

Avatar of Alessandro Secchi
Alessandro Secchi
Classe 1983. Ragioniere sulla carta, informatico per necessità, blogger per anni ed ora giornalista pubblicista per passione. Una sedia, una tastiera e tre schermi sono il mio habitat naturale.
"Il mio Michael" è il mio libro su Schumi ma, soprattutto, il mio personale modo di dirgli "Grazie". #KeepFightingMichael, sempre!

ALTRI DALL'AUTORE