F1 | GP Bahrain, tre posizioni di penalità Grosjean per aver ostacolato Norris

F1 | GP Bahrain, tre posizioni di penalità Grosjean per aver ostacolato Norris

Gli steward del Gran Premio del Bahrain, tra cui il nostro Emanuele Pirro, hanno comminato tre posizioni di penalità a Romain Grosjean dopo le qualifiche che hanno visto Charles Leclerc ottenere la pole position.

Il pilota francese della Haas, durante il Q1, ha ostacolato Lando Norris nel finire di uno suo giro veloce. Il fatto è avvenuto all’ultima curva del tracciato di Sakhir. Grosjean, superato da poco da Sebastian Vettel, ha rallentato vistosamente per prendere spazio dal tedesco prima di iniziare a sua volta un giro veloce. Non informato dal team, non si è accorto dell’arrivo della Mclaren di Lando Norris alle sue spalle. L’inglese si è trovato davanti il muro della Haas dovendo inchiodare e scartare per evitare il contatto. 

Messo subito sotto investigazione dai commissari del GP, Grosjean ha poi terminato le qualifiche in ottava posizione, mentre il rookie della Mclaren ha portato la sua monoposto al decimo posto. Finita la sessione, il francese è stato chiamato a spiegare la sua versione dei fatti insieme a Norris. Riconosciuta la non volontarierà nell’ostacolare il collega, Grosjean è stato comunque penalizzato in quanto primo responsabile del danno arrecato all’inglese, questo al di là della mancata comunicazione da parte del team.

I commissari hanno rilevato una differenza di velocità tra le due monoposto di 136km/h nel momento in cui Norris è stato costretto a rallentare. Grosjean, così, partirà dall’undicesima posizione facendo scalare in avanti di una Kimi Raikkonen, lo stesso Norris e Daniel Ricciardo.

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

CONDIVIDI

919FollowersFollow
1,679FollowersFollow
F1 | GP Bahrain, tre posizioni di penalità Grosjean per aver ostacolato Norris 2
Alessandro Secchi
Classe 1983. Ragioniere sulla carta, informatico per necessità, blogger per anni ed ora giornalista pubblicista per passione. Una sedia, una tastiera e tre schermi sono il mio habitat naturale.
"Il mio Michael" è il mio libro su Schumi ma, soprattutto, il mio personale modo di dirgli "Grazie". #KeepFightingMichael, sempre!

NEWSLETTER

Resta aggiornato su P300.it iscrivendoti alla nostra mailing list

ALTRI DALL'AUTORE