F1 | GP Bahrain, FP3: ancora Ferrari con Leclerc-Vettel, Mercedes a 7 decimi

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

Se le qualifiche terminassero così sarebbe il ribaltamento di quanto visto in Australia. Si tratta, però, solo delle FP3 ma nonostante questo la Ferrari sembra più in palla rispetto a due settimane fa.

Charles Leclerc fa segnare con la SF90 il miglior tempo nelle FP3 del GP del Bahrain con il tempo di 1:29.569. Il monegasco si prende 169 millesimi di vantaggio sul compagno di squadra Sebastian Vettel. Le Mercedes di Lewis Hamilton e Valtteri Bottas risalgono la classifica nel finale: non è facile capire quanto le Frecce d’Argento si siano nascoste in questa ora. L’inglese resta a 7 decimi di ritardo da Leclerc mentre il vincitore del GP d’Australia è a 820 millesimi. Molto dipende dal gioco delle gomme nuove/usate durante l’ultima ora di prove prima della lotta per la pole.

Ancora bene la Haas, con Romain Grosjean quinto a 1.2 davanti all’altrettanto buono Nico Hulkenberg con la Renault, sesto a 1.3. 

Da sottolineare la prova della Mclaren: Lando Nottis è settimo a 45 millesimi da Hulkenberg, davanti a Max Verstappen con la prima Red Bull (1:30.959, +1.390) e al compagno Carlos Sainz. Chiude la top ten la Toro Rosso di Daniil Kvyat a 1.6 dalla Ferrari in testa. Kimi Raikkonen è 11° con l’Alfa, Ricciardo è solo 16° con l’altra Renault mentre Giovinazzi è 18° davanti alle due Williams che chiudono la fila. Russell è a 1.3 dall’italiano, Kubica appena dietro. 

Le qualifiche partiranno alle 16:00.

Seguono i tempi di sessione.

F1 | GP Bahrain, FP3: ancora Ferrari con Leclerc-Vettel, Mercedes a 7 decimi 1

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

F1 | GP Bahrain, FP3: ancora Ferrari con Leclerc-Vettel, Mercedes a 7 decimi 2
Alessandro Secchi
Classe 1983. Ragioniere sulla carta, informatico per necessità, blogger per anni ed ora giornalista pubblicista per passione. Una sedia, una tastiera e tre schermi sono il mio habitat naturale.
"Il mio Michael" è il mio libro su Schumi ma, soprattutto, il mio personale modo di dirgli "Grazie". #KeepFightingMichael, sempre!

ALTRI DALL'AUTORE