F1 | GP Bahrain 2020, qualifiche: Hamilton fa 98, Pole sua davanti a Bottas e Verstappen

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

La Pole del GP Bahrain 2020 va al sette volte campione

Ancora, sempre, Lewis Hamilton. Il sette volte campione del mondo conquista la Pole position del GP Bahrain 2020 con una Mercedes che, ancora una volta, fa il bello ed il cattivo tempo, soprattutto in condizioni normali. L’inglese gira in 1:27.264 e lascia in seconda posizione il compagno di squadra Valtteri Bottas, staccato di 289 millesimi e bravo a riprendersi la seconda posizione all’ultimo tentativo dall’assalto di Max Vestappen.

L’olandese della Red Bull chiude terzo a 414 millesimi, con la solita prestazione concreta e senza problemi al DRS. Al suo fianco questa volta ci sarà Alex Albon, buon quarto con la seconda RB16 sebbene a sei decimi dal compagno.

La terza fila è aperta da Sergio Perez, che ancora una volta si fa valere con la Racing Point a tre gare dal termine della sua avventura con il team. Quinto il suo tempo a 48 millesimi da Albon (+1.058).

Seguono le due Renault di Daniel Ricciardo ed Esteban Ocon, ancora in Q3 e separate di appena due millesimi in favore dell’australiano, ad un secondo e uno dal tempo di Hamilton.

In top ten anche le due AlphaTauri di Pierre Gasly, ottavo, e Daniil Kvyat, decimo, separati dalla McLaren di Lando Norris in nona posizione.

Male le Ferrari, escluse dal Q2: Sebastian Vettel partirà 11° davanti a Charles Leclerc. Un problema tecnico sulla McLaren ferma la qualifica di Carlos Sainz sempre nel Q2. Lo spagnolo partirà dalla 15a posizione.

Seguono i tempi delle qualifiche del GP Bahrain 2020. A seguire la cronaca completa.

Immagine di copertina: Twitter – Mercedes

ULTIMI ARTICOLI

MONOPOSTO by SAURO

Avatar of Alessandro Secchi
Alessandro Secchi
Classe 1983. Ragioniere sulla carta, informatico per necessità, blogger per anni ed ora giornalista pubblicista per passione. Una sedia, una tastiera e tre schermi sono il mio habitat naturale.
"Il mio Michael" è il mio libro su Schumi ma, soprattutto, il mio personale modo di dirgli "Grazie". #KeepFightingMichael, sempre!

ALTRI DALL'AUTORE