F1 | GP Bahrain 2020, Gara, Wolff: “Gli eventi di oggi dimostrano che introdurre l’Halo è stato importante”

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

Seguono le dichiarazioni di Toto Wolff dopo il GP Bahrain 2020 di F1

Leggi il resoconto del GP Bahrain 2020

Leggi la cronaca

Toto Wolff: “Prima di tutto, vorrei dire grazie alla FIA e alla F1 per averci dato queste macchine da corsa incredibilmente sicure. Gli eventi di oggi dimostrano che introdurre l’Halo è stato tremendamente importante. Vorrei ringraziare i commissari e anche il Dr. Ian Roberts e Alan van der Merwe, che hanno aiutato Romain ad allontanarsi dall’incidente. Da quel che so, Romain sta bene e gli auguro la miglior guarigione possibile e spero che la sua famiglia stia bene, malgrado abbiano visto queste immagini spaventose. Per il nostro team, è stata una gara dolceamara; da un lato, sono molto felice per il team e Lewis. La monoposto è stata forte oggi e gli strateghi hanno dato il massimo. Sfortunatamente, Valtteri ha avuto più sfortuna questo weekend con le sue forature. Dobbiamo trovare il modo di interrompere questo copione che gli fa perdere gare per ragioni fuori dal suo controllo. Valtteri avrebbe potuto vincere più gare quest’anno, ed è un peccato che lui debba avere a che fare con questi risultati. Ma tutto questo lo renderà più forte e deve solo fare del suo meglio in queste ultime due gare per assicurarsi il secondo posto in campionato. Non ho dubbi che l’anno prossimo andrà molto bene. Mi dispiace anche per la Racing Point, e sono felice che Lance sia illeso. Dobbiamo analizzare che cosa sia successo alla macchina di Sergio e investigare per fare in modo di evitare questi ritiri in futuro”.

Fonte: Mercedes Media

Immagine di copertina: Twitter – Mercedes


ULTIMI ARTICOLI

MONOPOSTO by SAURO

Avatar of Alessandro Secchi
Alessandro Secchi
Classe 1983. Ragioniere sulla carta, informatico per necessità, blogger per anni ed ora giornalista pubblicista per passione. Una sedia, una tastiera e tre schermi sono il mio habitat naturale.
"Il mio Michael" è il mio libro su Schumi ma, soprattutto, il mio personale modo di dirgli "Grazie". #KeepFightingMichael, sempre!

ALTRI DALL'AUTORE