F1 | GP Azerbaijan, la FP1 dura 11 minuti. Il ridicolo va in scena a Baku

La prima sessione di prove libere del GP di Azerbaijan è stata chiusa in anticipo dopo che tutta l’incompetenza dell’organizzazione di Baku si è mostrata fragorosamente nella prima mezz’ora di azione.

Dopo undici minuti dall’inizio della sessione la Williams di George Russell salta in pieno rettilineo, tra curva 2 e 3, sul coperchio di un tombino sollevato poco prima dalle ruote della Ferrari di Charles Leclerc. L’impatto, avvenuto a piena velocità, devasta il fondo e probabilmente la scocca della FW42, come se in Williams non ci fossero già problemi con i pezzi di ricambio.

L’inglese si ferma subito dopo in pista, la sessione viene fermata con bandiera rossa e la monoposto recuperata, mentre i commissari si mettono al lavoro per riparare il tombino. Non è però finita perché il carro attrezzi, nel riportare la Williams ai box, sbatte con il braccio sollevatore contro uno dei ponti del circuito danneggiando il braccio stesso e provocando una perdita di olio che cola inesorabile sulla monoposto. È necessario, tra l’ilarità generale, ricorrere ad un altro mezzo di servizio per sollevare la vettura e riportarla a terra ormai inondata di olio sul cofano motore.

Inutile parlare di tempi: qui abbiamo una trasferta costosa, una sessione chiusa con un’ora e venti di anticipo ed una monoposto distrutta per il team che meno aveva bisogno di problemi di questo tipo. L’unica vera fortuna, in tutto questo, è che Russell non si sia fatto male.

Alle 15 le FP2, previo controllo di tutti i tombini del circuito di Baku…

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

CONDIVIDI

925FollowersFollow
1,703FollowersFollow
F1 | GP Azerbaijan, la FP1 dura 11 minuti. Il ridicolo va in scena a Baku 2
Alessandro Secchi
Classe 1983. Ragioniere sulla carta, informatico per necessità, blogger per anni ed ora giornalista pubblicista per passione. Una sedia, una tastiera e tre schermi sono il mio habitat naturale.
"Il mio Michael" è il mio libro su Schumi ma, soprattutto, il mio personale modo di dirgli "Grazie". #KeepFightingMichael, sempre!

NEWSLETTER

Resta aggiornato su P300.it iscrivendoti alla nostra mailing list

ALTRI DALL'AUTORE