F1 | GP Azerbaijan 2019, libere: McLaren, Haas, Alfa Romeo

F1
GP Azerbaijan 2019, libere: McLaren, Haas, Alfa Romeo

Bene i McLaren. Più indietro Haas ed Alfa Romeo di 26 Aprile 2019, 22:24

Seguono le dichiarazioni dei piloti di Haas, Mclaren e Alfa Romeo dopo le libere del venerdì del Gran Premio d'Azerbaijan 2019. A Baku, i due della McLaren cominciano bene il weekend, con Carlos Sainz Jr. e Lando Norris rispettivamente 7° e 10° al termine della PL2. Subito dietro Kevin Magnussen, protagonista di un ruota a ruota ad alto rischio con Lewis Hamilton. Con il 12° tempo c'è Antonio Giovinazzi, per una volta più veloce di Kimi Raikkonen (14°); più indietro Romain Grosjean (16°).

HAAS

8 | ROMAIN GROSJEAN

"Guidare a Baku è sempre una sfida. Non ho ancora molto feeling con la monoposto, il che significa che c'è ancora lavoro da fare. La pista era piuttosto sporca, ragion per cui era complicato tenere la monoposto. E' stato positivo avere una sessione di due ore e un set extra di pneumatici a disposizione; ci ha aiutato a comprendere meglio la situazione. Non vedo l'ora che arrivino le qualifiche domani, e anche la gara di domenica. Penso che stiamo lavorando nella giusta direzione".

20 | KEVIN MAGNUSSEN

"Come al solito qui a Baku ci sono state un sacco di bandiere gialle e rosse. Fortunatamente non ne abbiamo causata nessuna noi. Non è stato un brutto venerdì, sebbene i nostri long run non siano stati abbastanza corposi; ciononostante abbiamo avuto dei riscontri, soprattutto con le morbide. Subiscono molto il graining e non sarà facile usarle in gara, anche se con il miglioramento della pista la situazione dovrebbe essere meno negativa. Con le medie, invece, non abbiamo praticamente dati; forse proveremo qualcosa domani, nelle FP3. Il bilanciamento della monoposto non era male, ma vedremo se troveremo qualcosa di meglio per domani".

MCLAREN

4 | LANDO NORRIS

"Nel complesso non è stata né una giornata lunga né ricca d'azione come speravo. Nonostante ciò abbiamo sfruttato tutto al massimo. Nella seconda sessione la pista è migliorata tantissimo, restando comunque ancora molto polverosa e scivolosa, in definitiva non facile. Dato il tempo perduto nelle FP1, abbiamo fatto delle buone scelte oggi pomeriggio, quando abbiamo dato la priorità alle cose che dovevamo testare. Penso che sia stata comunque una giornata positiva per noi, ma domani è un'altra giorno".

55 | CARLOS SAINZ

"E' stata una FP2 alquanto frenetica, dato che tutti dovevamo recuperare il tempo perduto al mattino, stando in pista il più possibile. Abbiamo provato a girare il più possibile, ma non è stato facile tenere in temperatura gli pneumatici, viste le tante bandiere gialle. E' stata in definitiva una sessione impegnativa, ma non ne siamo usciti troppo delusi. Abbiamo ancora un sacco di lavoro da fare domani,dato che sono molto lontano dal sentirmi a mio agio qui con la macchina; quindi dobbiamo vedere cosa possiamo fare".

ALFA ROMEO

7 | KIMI RAIKKONEN

"Naturalmente non è stata affatto una giornata ideale, e in troppi sembravano dilettanti oggi. E ciò non dovrebbe succedere, spettando alla FIA assicurarsi che la pista sia nelle condizioni ideali. Sembra che ogni anno ci sia quale grata di drenaggio o quant'altro che si stacchi. Fortunatamente nessuno si è fatto male, ma quanto successo ha distrutto la giornata a tutti".

99 | ANTONIO GIOVINAZZI

"Anche quest'oggi ho potuto guidare solo in una sessione. Per me sta diventando una brutta consuetudine, dato che anche in Cina ho perso la prima sessione. Alla prossima va a finire che mi vedrete direttamente al sabato. A parte gli scherzi, nelle FP2 non è andata male e sono riuscito a coprire un bel pò di giri. Il feeling con la monoposto è buono e, anche se dovrò subire una penalità di 10 posizioni in griglia, penso sarà possibile fare bene".



Condividi