F1 | GP Austria 2024: le infografiche post Sprint Qualifying Pirelli

F1 | GP Austria 2024: le infografiche post Sprint Qualifying Pirelli

ComunicatiF1GP AustriaGran Premi
Tempo di lettura: 4 minuti
di Alessandro Secchi @alexsecchi83
28 Giugno 2024 - 19:40
Home  »  ComunicatiF1GP AustriaGran Premi

Segue l’analisi Pirelli delle qualifiche Sprint del GP Austria 2024

Ancora una pole position per Max Verstappen nella Sprint Qualifying, l’ottava su 15 eventi Sprint. È la sesta sfida contro il cronometro che Max vince consecutivamente al Red Bull Ring: la pole position del Gran Premio della Stiria del 2021, quelle dei Gran Premi d’Austria dal 2021 al 2023 e le Sprint Qualifying del 2023 e del 2024. Il pilota della Red Bull è stato il più veloce in tutti e tre i segmenti della qualifica: 1’04”686 è stato il miglior tempo, ottenuto in Q3. Sul virtuale podio di questa sessione sono saliti i due piloti della McLaren: Lando Norris è secondo col tempo di 1’04”779, Oscar Piastri terzo in 1’04”987. I primi tre sono stati gli unici a scendere sotto la barriera dell’1’05”.

LA GIORNATA IN PISTA

Il formato Sprint del weekend rende fondamentale l’unica sessione di prove libere a disposizione, sia per preparare le vetture per il giro secco che per valutare il comportamento delle gomme sulla lunga distanza, e la giornata odierna non ha fatto eccezione. Durante FP1 le temperature sono cresciute in maniera sensibile man mano che le nuvole lasciavano spazio all’irraggiamento solare, con quella dell’asfalto salita da 31 fino a 45 °C.

Ogni squadra ha usato due tipi di gomme (non contando chi come la Aston Martin, ha usato un treno di Medium e uno di Hard col solo obiettivo di rodarle): Mercedes, Ferrari, McLaren, Aston Martin e Alpine hanno girato con Hard e Soft; Red Bull, Williams, Racing Bulls, Sauber e Haas con Medium e Soft. Un solo pilota, Lewis Hamilton, ha impiegato un solo set – di Hard – per tutta la sessione.

Max Verstappen ha ricevuto il Pirelli Sprint Qualifying Award da Verena Culka, una fortunata fan selezionata dal promoter del Gran Premio d’Austria per vivere questa esperienza esclusiva. Il trofeo, realizzato a mano in Italia, è composto da un quadrato di gomma naturale certificata FSC™ (Forest Stewardship Council™) racchiuso in due vetri trasparenti su cui è riprodotto il tracciato del Red Bull Ring e il caratteristico logo FSC™ a forma di un albero stilizzato. La gomma è lo stesso materiale con cui vengono realizzati tutti i pneumatici Pirelli P Zero di Formula 1 e che rispetta i criteri di sostenibilità ambientale e sociale definiti dall’organizzazione non governativa per la gestione delle foreste.

Leggi il resoconto delle FP1

Leggi il resoconto della Sprint Qualifying

INFOGRAFICHE

SIMONE BERRA

“Tutto sommato, è stato un venerdì abbastanza nella norma per un weekend Sprint, con le squadre che nelle prove libere hanno effettuato diversi run con programmi relativamente diversi fra loro in termini di lunghezza degli stint e di carichi di benzina a bordo. Da parte nostra, non abbiamo avuto particolari sorprese sul comportamento delle tre mescole di pneumatici che abbiamo selezionato per questo Gran Premio. Com’era nelle previsioni, non sembra che ci sia graining e il surriscaldamento è un fattore importante. La Sprint Qualifying consente di confrontare in condizioni molto simili la prestazione della Medium e della Soft sul giro secco e la differenza vista oggi (circa quattro decimi) è anch’essa in linea con le aspettative. Il dato più rilevante è legato all’utilizzo estensivo della Hard da parte di metà delle squadre, il che lascia presupporre che – visto che la strategia sulla carta più veloce dovrebbe essere quella su due soste – la loro scelta sia chiaramente indirizzata verso una gara da correre con una sequenza di gomme Medium-Hard-Medium. Le altre cinque squadre, invece, si stanno lasciando la porta aperta per utilizzare due set di Hard o due set di Medium. Da notare come i tempi di oggi siano di un paio di decimi più alti rispetto alle qualifiche dello scorso anno, svoltesi il venerdì pomeriggio in condizioni meteorologiche analoghe a quelle di oggi. Domani la gara Sprint dovrebbe svolgersi con una temperatura dell’asfalto dai 40 °C in su e la Medium dovrebbe essere la mescola prescelta da tutti i piloti, che potranno così raccogliere informazioni importanti in vista della gara di domenica”.

Fonte immagini e testi: Pirelli Motorsport

Leggi anche

Il calendario completo del mondiale 2024

Tutte le ultime News di P300.it

È vietata la riproduzione, anche se parziale, dei contenuti pubblicati su P300.it senza autorizzazione scritta da richiedere a info@p300.it.

#13 | GP UNGHERIA
DATI E PREVIEWINFO SESSIONI E RISULTATI

19/21 luglio | Budapest
Hungaroring | 70 Giri

#hungariangp

LIBERE
FP1: Ven 13:30-14:30
FP2: Ven 17:00-18:00
FP3: Sab 12:30-13:30
QUALIFICHE
SKY: Sab 16:00-17:00
(TV8: )
GARA
SKY: Dom 15:00
(TV8: )

Lascia un commento

Devi essere collegato per pubblicare un commento.

COLLABORIAMO CON

P300.it SOSTIENE

MENU UTENTE

REGISTRATI

RICEVI LA NEWSLETTER
Iscriviti per rimanere sempre aggiornato
(puoi sempre iscriverti in seguito)
SOCIAL
Iscriviti sui nostri canali social
per ricevere aggiornamenti live