F1 | GP Australia, FP2: Mercedes ancora davanti, Verstappen a 8 decimi

F1 | GP Australia, FP2: Mercedes ancora davanti, Verstappen a 8 decimi

Nulla di nuovo dopo le seconde prove libere del Gran Premio d'Australia, prima prova del mondiale di F1. Le Mercedes volano con Lewis Hamilton che fa segnare il miglior tempo in 1:22.600 migliorando di un secondo il tempo del mattino, mentre Valtteri Bottas rimane a soli 48 millesimi dal compagno di squadra. Il tempo di Hamilton è 1.3 più veloce rispetto alla stessa sessione 2018.

Dal terzo posto in poi sono tutti lontani. Dietro alle Mercedes si sono piazzate le due Red Bull di Max Verstappen e Pierre Gasly, con distacchi rispettivamente di 800 e 842 millesimi. Condizione completamente diversa rispetto a quanto visto nella prima sessione con i primi tutti attaccati.

Quinta posizione per Sebastian Vettel. Il tedesco della Ferrari si trova a 29 millesimi da Gasly, a 872 dal tempo di Hamilton, seguito dal suo ex compagno di squadra Kimi Raikkonen. Il finlandese con l'Alfa è a 972 millesimi dalla vetta, braccato al settimo ed ottavo posto dalle Renault ufficiali di Nico Hulkenberg e Daniel Ricciardo. 

Chiudono la top ten Charles Leclerc con la seconda Ferrari (il monegasco si è girato nel finale in uscita da curva 4) e Romain Grosjean con la Haas. Antonio Giovinazzi è 15°, mentre le Williams sono ancora lontanissime, penultima ed ultima a 1.7 dal 18° posto di Lando Norris.

Dopo i primi giri per far segnare il tempo team e piloti si sono dedicati allo studio consueto dei passi gara. 

Seguono i tempi di sessione.

F1 | GP Australia, FP2: Mercedes ancora davanti, Verstappen a 8 decimi 1

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

Arthur Leclerc e Dino Beganovic entrano in FDA

Ripercorrendo le orme del fratello maggiore Charles, attuale pilota titolare in F1 della Scuderia, Arthur Leclerc è stato annunciato insieme a...

CONDIVIDI

14,486FansLike
865FollowersFollow
1,614FollowersFollow
F1 | GP Australia, FP2: Mercedes ancora davanti, Verstappen a 8 decimi 3
Alessandro Secchi
Classe 1983. Ragioniere sulla carta, informatico per necessità, blogger per anni ed ora giornalista pubblicista per passione. Una sedia, una tastiera e tre schermi sono il mio habitat naturale. "Il mio Michael" è il mio libro su Schumi ma, soprattutto, il mio personale modo di dirgli "Grazie". #KeepFightingMichael, sempre!

ALTRI DALL'AUTORE