F1 |  GP Australia 2019, Gara: McLaren, Haas, Alfa Romeo

F1
GP Australia 2019, Gara: McLaren, Haas, Alfa Romeo

Haas e Alfa Romeo a punti con Magnussen e Raikkonen. McLaren a becco asciutto di 17 Marzo 2019, 15:00

Seguono le dichiarazioni dei piloti di Haas, Mclaren e Sauber al termine del Gran Premio d'Australia 2019. Chiudono a punti Kevin Magnussen (6°) per il team con sede a Kannapolis, e Kimi Raikkonen (8°) con la scuderia del Biscione. Meno fortunati i compagni di squadra: Romain Grosjean si ritira per l'anteriore sinistra fissata male, mentre Antonio Giovinazzi chiude appena 15°, con una monoposto danneggiata al via, dopo esser passato sui detriti della Renault di Daniel Ricciardo. Senza punti la McLaren: Carlos Sainz Jr. si è ritirato dopo una decina di giri con il posteriore in fiamme; Lando Norris ha chiuso 12°, danneggiato da un pit stop problematico.

HAAS

8 | ROMAIN GROSJEAN

"Non so cosa sia successo esattamente. Io ho semplicemente avvertito che qualcosa non andava. Non è stata una buona giornata, anche se sono felice per il risultato ottenuto da Kevin. Le nuove regole sono ottime per seguire un'altra vettura, ma le gomme sono rimaste quelle dell'anno scorso. Quando spingi scivolano, poi perdi aderenza. Anche se possiamo seguire chi ci precede più facilmente che in passato, il sorpasso è ancora complicato. Nel complesso, quanto successo oggi è un peccato, visto che siamo sembrati forti in tutto il weekend, anche in gara".

20 | KEVIN MAGNUSSEN

"Sono davvero felice, questo 6° posto è davvero un buon risultato. Non sono contento invece del fatto che non siamo riusciti a portare al traguardo entrambe le monoposto; credo che anche Grosjean avrebbe concluso in una buona posizione, soprattutto dopo le belle qualifiche avute ieri. Ho fatto una buona partenza e da lì in poi la macchina si è comportata bene. Sono stato in grado di spingere per l'intera gara, tenendo sempre d'occhio le mie gomme. Sono davvero felice di iniziare l'anno così".

MCLAREN

4 | LANDO NORRIS

"Il team mi ha concesso una monoposto buona, con abbastanza passo per trovarmi in top-10. Purtroppo ho commesso un paio di errori, che mi sono costati i punti. Perciò sono abbastanza deluso, anche se sono soddisfatto nell'aver concluso la mia prima gara in Formula 1. In generale, non sono partito bene, perdendo tempo dietro una monoposto più lenta. Quindi ho avuto un gran bloccaggio. Devo lavorare su questi aspetti. Ora testa al Bahrain".

55 | CARLOS SAINZ

"E' stato un weekend da dimenticare per me. Credo che abbiamo avuto un problema alla MGU-K, ed è stato un vero peccato, dato che avevamo cominciato bene la gara. Tutto fino a quel momento era andato bene, a partire dalla partenza, sorpassando quattro monoposto, mettendomi in condizione di battagliare per i punti e con chi mi stava davanti. Il passo che avevamo dimostra che potevamo giocarci le nostre chance per i punti. Questo ritiro fa male, ma la Formula 1 va così. La mia stagione parte con questo episodio sfortunato, ma spero che dal Bahrain in avanti le cose cambino".

ALFA ROMEO

7 | KIMI RAIKKONEN

"Siamo stati piuttosto competitivi in gara, ma sono rimasto bloccato dietro altre macchine e in questi casi non c'è molto che tu possa fare. Sembra che ora sia più facile avvicinarsi alla macchina di fronte a te, ma di certo è ancora molto difficile superare. La sosta anticipata? Abbiamo avuto un problema con la temperatura dei freni posteriori, perché uno dei tear-off della visiera è entrato nella presa. Per questo motivo ci siamo dovuti fermare prima del previsto. Sono contento delle sensazioni che mi ha dato la macchina, ma in generale se avessimo messo a posto alcune cose avremmo potuto ottenere di più. In definitiva, però, per essere il primo weekend con il team, porto a casa questo risultato. Cercheremo di rendere l’auto più veloce per la prossima gara, in Bahrain".

99 | ANTONIO GIOVINAZZI

"E’ stata una gara difficile per me. Guidare con l’alettone rotto è stato un problema non di poco conto. Nella prima parte di gara ho fatto fatica a gestire le gomme e la monoposto; ero molto lento. Insieme al team abbiamo deciso di rimanere in pista per continuare con la strategia, e dopo la sosta mi sono sentito sicuramente più a mio agio, anche se ormai avevo perso troppo tempo. La vettura è buona, Kimi ha fatto ottavo se non sbaglio, e questo lo conferma. Il mio obiettivo sarà quello di andare a punti in Bahrain".



Condividi