F1 | GP Arabia Saudita 2023: le infografiche post qualifiche Pirelli

ComunicatiF1GP Arabia SauditaGran Premi
Tempo di lettura: 4 minuti
di Redazione P300.it @p300it
19 Marzo 2023 - 11:15

Segue l’analisi Pirelli delle qualifiche del GP Arabia Saudita 2023

Leggi il resoconto delle Qualifiche

Leggi la cronaca

Sergio Perez partirà oggi dalla prima posizione in griglia. Il pilota Red Bull ha infatti registrato il miglior tempo nelle qualifiche di oggi in 1m28.265s su P Zero Red soft C4. Charles Leclerc (Ferrari) è stato di 0.155s più lento ma sconterà dieci posizioni di penalità. Fernando Alonso (Aston Martin) ha concluso invece il suo miglior giro in 1m28.730s e partirà quindi a fianco del messicano. In seconda fila ci saranno George Russell (Mercedes) con un crono di 1m28.857s e Carlos Sainz (Ferrari) con 1m28.931s. Tutti i piloti in Q3 hanno usato set nuovi di Soft.

Nelle qualifiche di ieri, iniziate alle 20 ora locale, la temperatura dell’asfalto è oscillata tra i 30,3 e i 32,8 °C, leggermente inferiore a quella registrata nella FP2 di ieri. Nella terza sessione di prove libere, iniziata invece alle 16.30, l’asfalto era di circa 7 gradi più caldo. La temperatura ambientale è passata dai 28,7 °C del primo pomeriggio ai 26,7 °C della sera.

La FP3 è servita ai team prevalentemente per simulare la sessione di qualifiche. A dominare sono sempre le Red Bull con Max Verstappen che ferma il cronometro a 1m28.485s su un set nuovo di C4 e Sergio Perez a 1m29.098s con pneumatici usati. A 0.998s dal primo, Fernando Alonso (Aston Martin).

Il Pirelli Pole Position Award è stato consegnato a Sergio Perez dall’ex calciatore francese Patrice Evra. Evra è stato uno dei migliori terzini sinistri d’Europa, militando, fra le altre squadre, nel Manchester United, con cui ha vinto 5 Premier League e una Champions League, e nella Juventus, con cui ha conquistato due volte la Serie A. Ha partecipato inoltre a due Coppe del Mondo e tre Campionati d’Europa con la maglia della nazionale francese.

La strategia più veloce nel Gran Premio di Gedda è a una sosta. Dalle simulazioni, la combinazione P Zero Yellow medium C3 e P Zero White hard C2 risulta leggermente più veloce rispetto alle altre due opzioni disponibili, anche se le differenze sono piuttosto contenute. Per questa strategia la finestra per il cambio gomme è prevista tra il diciottesimo e il venticinquesimo giro mentre per quella Soft-Hard è fra il tredicesimo e il ventesimo giro, con quella relativa alla Medium-Soft fra ventisettesimo e il trentaquattresimo giro.

L’unica strategia a due soste che potrebbe essere presa in considerazione è la partenza con pneumatici Soft, il cambio tra il decimo e quindicesimo giro con Medium e infine l’ultimo stint, iniziato tra il trentaduesimo e il trentottesimo giro, nuovamente su Soft. 

Peraltro, su un tracciato come quello di Gedda c’è un’elevata chance di neutralizzazioni e interruzioni: se lo ricorda bene proprio Sergio Perez che, nel 2022, dopo la sua prima pole position della carriera era rientrato ai box un giro prima dell’uscita della safety car, perdendo così l’occasione di rimanere in testa alla corsa. 

INFOGRAFICHE

PARLA MARIO ISOLA

“È stata una qualifica molto interessante e ricca di spunti. La C4 ha confermato di essere una gomma molto versatile anche nella sessione che determina la griglia di partenza, sia sul giro secco sia su run più lunghi. Lo svolgimento di Q1 ha infatti evidenziato come sia stato possibile avere un buon livello di grip anche al secondo o terzo tentativo, intervallato da un giro più lento, all’interno della stessa serie. Proprio la possibilità di poter avere una gomma con queste caratteristiche era già emersa su alcune piste l’anno scorso e qui ne abbiamo avuto un’ulteriore conferma. Su un tracciato particolare come quello di Gedda la modalità di preparazione dei pneumatici è variata da squadra a squadra, un altro elemento che enfatizza le peculiarità della C4 in combinazione a quelle delle diverse vetture in lizza. 

Dal punto di vista della strategia, i dati raccolti finora in questo fine settimana confermano che quella basata su un’unica sosta sia sicuramente l’opzione più veloce, con differenze molto contenute fra ognuna delle tre possibili combinazioni, considerando anche il fatto che, per quanto visto nelle prime due edizioni di questo Gran Premio, neutralizzazioni e, magari, interruzioni saranno all’ordine del giorno”.

Fonte immagini e testi: Pirelli Motorsport

Leggi anche

Il calendario completo del mondiale 2024

Tutte le ultime News di P300.it

È vietata la riproduzione, anche se parziale, dei contenuti pubblicati su P300.it senza autorizzazione scritta da richiedere a info@p300.it.

#5 | GP CINA
DATI E PREVIEW
INFO SESSIONI E RISULTATI

19/21 aprile - Shanghai
Shanghai International Circuit

56 Giri

#chinesegp

Mappa e Stats
LIBERE
FP1: Ven 05:30-06:30
P1: Stroll
SPRINT QUALI
SKY: Ven 09:30-10:30
Pole: Norris
SPRINT
SKY: Sab 05:00
(TV8: Diretta)

Winner: Verstappen
QUALIFICHE
SKY: Sab 09:00
(TV8: Sab 12:00)

Pole: Verstappen
Cronaca
GARA
SKY: Dom 09:00
(TV8: Dom 14:00)

Winner: Verstappen
P2: Norris
P3: Perez
Cronaca

Lascia un commento

Devi essere collegato per pubblicare un commento.

COLLABORIAMO CON

P300.it SOSTIENE

MENU UTENTE

REGISTRATI