F1 | GP Abu Dhabi 2022, Statistiche: Una stagione a secco per Lewis Hamilton

di Marco Colletta @MarcoColletta
22 Novembre 2022 - 15:00

Zero pole e zero vittorie in F1 per Lewis Hamilton da quando ha esordito in categoria nel 2007. E il suo vecchio rivale Sebastian Vettel – all’ultimo show in pista – ha raggiunto Kimi Raikkonen per numero di gare a punti.

La F1 è tornata in Medio Oriente per il consueto ultimo appuntamento della stagione ad Abu Dhabi. E di ricorrente non c’è solo il luogo dell’ultima tappa dell’anno, ma anche il nome di chi ha dominato l’ennesimo weekend del 2022: Max Verstappen.

Mentre lui ha continuato la sua marcia inarrestabile da record, Lewis Hamilton ha chiuso la sua peggior stagione in F1, Fernando Alonso ha terminato nel peggiore dei modi il suo terzo periodo francese e Sebastian Vettel ha salutato il circus con la sua ultima apparizione in zona punti.

QUALIFICHE

Sabato pomeriggio è arrivata la settima pole position stagionale di Max Verstappen, che si è portato a quota 20 in carriera, raggiungendo così la 14esima posizione di Damon Hill e Valtteri Bottas nella classifica di tutti i tempi.

Si tratta dell’81esima pole position della Red Bull in F1, la sesta ad Abu Dhabi che porta quindi il team austriaco ad eguagliare il record stabilito dalla Mercedes.

Seconda posizione per Sergio Pérez che ha permesso a Red Bull di tornare a monopolizzare la prima fila della griglia di partenza per la prima volta dal GP del Messico 2018, quando Daniel Ricciardo ha conquistato la pole davanti a Max Verstappen.

È la 25esima volta che Red Bull occupa le prime due caselle dello schieramento; questo è inoltre il secondo arco temporale più lungo tra due monopoli di prima fila: il primo resta quello tra i GP degli Stati Uniti 2013 e quello del Messico 2018.

Terzo posto per Charles Leclerc che ha riportato la Ferrari in Top3 in griglia ad Abu Dhabi per la prima volta dal 2018.

Quinto tempo per Lewis Hamilton che invece, per la prima volta nella sua carriera, non è partito dalle prime due file nel GP di Abu Dhabi. Questa è anche la terza volta in cui non ha raggiunto la prima fila: gli unici precedenti sono stati nel 2013 con il 4° posto e nel 2020 con il 3°.

Non essendo riuscito a conquistare la pole position, questo è il primo anno in F1 per Lewis Hamilton senza una partenza al palo. Si interrompe quindi a 15 il numero di stagioni consecutive da record con almeno una pole. Resta dunque al comando della classifica con due lunghezze su Michael Schumacher e cinque su Ayrton Senna.

Settimo e decimo tempo per le McLaren di Lando Norris e Daniel Ricciardo. Insieme, le due vetture di Woking hanno ottenuto l’accesso al Q3 per la prima volta dal GP d’Italia.

Nono tempo e quarta qualificazione in Q3 per Sebastian Vettel nel corso di questa stagione. In ognuna di queste occasioni, il tedesco ha sempre ottenuto questa posizione, da cui è scattato per ben 5 volte – contando anche il GP di São Paulo, con la casella di partenza ottenuta grazie alla Sprint Qualifying.

Undicesimo posto per Fernando Alonso che, alla sua ultima qualifica con Alpine, non è riuscito a conquistare l’accesso al Q3 proprio come accadde nella sua precedente ultima gara con Renault. Ai tempi, sempre ad Abu Dhabi, ottenne il 16° posto, mancando addirittura il passaggio al Q2. Per lo spagnolo si tratta anche della prima gara fuori dal Q3 dal GP dei Paesi Bassi.

Penultimo e ultimo riscontro cronometrico per Alex Albon e Nicholas Latifi che hanno portato la Williams a monopolizzare l’ultima fila dello schieramento. L’ultima volta in cui le vetture di Grove hanno serrato la griglia di partenza è stato al GP d’Italia del 2020, con George Russell a precedere il canadese.

F1 2022 - Abu Dhabi - Verstappen, Red Bull
Max Verstappen (Red Bull) autore della pole del GP di Abu Dhabi di F1 – Copyright: Red Bull Content Pool

GARA

Così come al sabato, anche la domenica ha avuto lo stesso epilogo, con Max Verstappen autore della propria 35esima vittoria in F1, la 15esima di questa stagione. Il successo lo ha portato a rafforzare ancora di più il record di trionfi in un anno, con Michael Schumacher e Sebastian Vettel che sono ora distanziati di due lunghezze.

Per la quindicesima volta in carriera, l’olandese ha trasformato una pole in vittoria eguagliando così i numeri di Juan Manuel Fangio, Jim Clark e Nico Rosberg e sorpassando di una lunghezza Fernando Alonso che è ora uscito dalla Top10.

Questa è stata la vittoria numero 92 in F1 per la Red Bull, la 17esima del 2022. Con questi numeri, il team austriaco è il secondo per trionfi in un singolo anno, alle spalle della sola Mercedes che nel 2016 ne ottenne 19 su 21. A livello di percentuali, però, quest’anno la squadra ha conquistato solo il 77,3% delle gare, piazzandosi al decimo posto nella classifica di tutti i tempi.

La RB18 è di conseguenza anche la seconda vettura per numero di trionfi in F1, dietro alla Mercedes W07.

Per l’ottavo anno consecutivo, l’autore della pole position del GP di Abu Dhabi è riuscito anche a ottenere la vittoria nella corsa del giorno successivo.

Questa è stata la terza vittoria consecutiva di Max Verstappen ad Abu Dhabi. Nessun pilota era mai riuscito ad infilarne così tante in fila sul tracciato di Yas Marina. Prima dell’olandese, infatti, Vettel (2009-2010) e Hamilton (2018-2019) non erano mai andati oltre le due.

Verstappen ha anche ottenuto il maggior numero di punti in una stagione di F1 con 454 contro i 413 di Hamilton del 2019. Un nuovo record, che però non è riscontrabile a livello di percentuale sul numero totale di punti ottenibili in un singolo anno.

Con la vittoria di domenica, Red Bull ha eguagliato il numero di successi della Mercedes ad Abu Dhabi, salendo a quota 6.

Max ha chiuso la stagione con un vantaggio di 146 punti su Charles Leclerc, il secondo più ampio nella storia della F1. Il primo resta quello che separò Sebastian Vettel e Fernando Alonso nel 2013 con 155 lunghezze.

Secondo posto per Charles Leclerc che ha appunto confermato il suo secondo posto in campionato, riportando un pilota Ferrari ad essere vice-campione del mondo per la prima volta dal 2018.

Questo è il 24° podio del monegasco in F1, il quale lo porta a eguagliare quelli di Stirling Moss, John Surtees e Alan Jones.

Terzo posto per Sergio Pérez che invece ha raggiunto il 26° podio in F1 come Ronnie Peterson ed Eddie Irvine. Con questo risultato, anche nel quinto campionato costruttori conquistato da Red Bull, non è arrivato un’1-2 in classifica piloti.

Al termine della stagione, Red Bull ha accumulato 759 punti, 6 in meno rispetto al record stabilito dalla Mercedes nel 2016 con 765. Per la squadra austriaca è invece un nuovo primato personale, dato che precedentemente si era fermata a massimo 650 nel 2011.

Quarta posizione per la Ferrari di Carlos Sainz, con la squadra che ha terminato l’anno a quota 554 punti; non si tratta di un nuovo record per la Rossa che nel 2018 si era spinta fino a 571. A Maranello si torna ad acquisire il titolo di vice-campione del mondo per la prima volta dal 2019.

Sesta piazza per Lando Norris che per il secondo anno di fila si conferma come il pilota migliore tra quelli non appartenenti ai tre top team. L’inglese ha anche segnato il giro veloce per la seconda volta nel corso di questa stagione, nonché la quinta durante la sua carriera. Ora si trova a pari merito con Farina, Pace, Scheckter, Pironi, Watson, Alboreto e Russell.

Ottavo posto per Lance Stroll che ha ottenuto il secondo miglior risultato della propria stagione, dopo il sesto posto di Singapore. Questa è stata l’ottava volta che il canadese ha concluso la corsa in zona punti.

Dietro di lui, Daniel Ricciardo ha ottenuto il nono posto. Il suo anno si è concluso con l’undicesima piazza in classifica piloti, che lo porta a restare escluso dalla Top10 per la prima volta dal 2013. È la quarta peggior stagione per lui con soli 37 punti conquistati, contro i 20 del 2013, i 10 del 2012 e gli 0 della stagione d’esordio (2011).

Decima posizione per Sebastian Vettel che ha concluso la sua carriera conquistando l’ultimo punto. Dopo 299 gare, il suo anno conclusivo non lo ha visto nemmeno una volta a podio, come era successo in quello d’esordio. Si conclude dunque a 14 il numero di stagioni di fila con almeno una Top3, con Michael Schumacher (15) e Lewis Hamilton (16) davanti a lui.

Con questa Top10, il tedesco ha raggiunto Kimi Raikkonen al quarto posto per numero di gare a punti: 219, due in meno di Michael Schumacher che occupa il terzo gradino del podio di questa classifica.

Ritiro a tre giri dal termine per Lewis Hamilton che è costretto ad alzare bandiera bianca in gara, per problemi meccanici, per la prima volta dal GP d’Austria del 2018. Questo risultato lo porta inoltre a interrompere a 15 il numero di anni consecutivi con almeno una vittoria in F1, mantenendo il record in condivisione con Michael Schumacher. Da ora in poi non potrà più vantare di essere l’unico pilota di F1 ad aver conquistato almeno un successo in ogni stagione a cui ha partecipato.

Per l’inglese questo è inoltre il primo anno senza successi dal 2001, quando in Formula Renault UK Winter Series ha disputato quattro gare senza nemmeno essere mai salito sul podio.

Questa è stata anche la prima volta in cui il 7 volte campione del mondo non ha chiuso la stagione nelle prime cinque posizioni della classifica piloti. È invece la terza volta in cui ha concluso l’anno dietro al proprio compagno di squadra: gli unici precedenti furono nel 2011 con Jenson Button (2°) in McLaren e nel 2016 con Nico Rosberg (campione del mondo) in Mercedes.

Come detto, ultima gara di Fernando Alonso con l’Alpine e, come l’ultima in Renault nel 2009, anche questa volta lo spagnolo ha chiuso la sua avventura con la squadra francese senza segnare punti.

Al termine della stagione, l’iberico ha chiuso alle spalle di Esteban Ocon che è dunque il secondo compagno di squadra di Alonso a chiudere davanti a lui nei 21 anni di carriera del bicampione del mondo. L’unico a riuscirci fino ad ora era stato Jenson Button nel 2015.

Il GP di Abu Dhabi del numero 14 si è chiuso anzitempo con un ritiro legato a una perdita d’acqua. È stata la prima volta in cui il pilota dell’Alpine non ha tagliato il traguardo sul circuito di Yas Marina; il peggior risultato prima di domenica fu nel 2015 con il 17° posto conquistato al volante della McLaren-Honda.

F1 2022 - Abu Dhabi - Verstappen, Red Bull
Max Verstappen ha vinto 15 gare su 22 nel corso della stagione 2022 di F1 – Copyright: Red Bull Content Pool

Immagine di copertina: Mercedes F1 Media Area