F1 | GP Abu Dhabi 2019, la cronaca delle qualifiche

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

Segue la cronaca delle qualifiche del GP di Abu Dhabi 2019, con Lewis Hamilton in pole position davanti a Max Verstappen ed alle Ferrari di Charles Leclerc e Sebastian Vettel.

Q1 | Williams, Alfa, Haas e Racing Point subito in pista per la prima parte delle qualifiche. Seguono via via tutti gli altri, con Alex Albon sulla Red Bull che fa segnare il primo tempo in 1:37.699 . È un crono lento: gli passano infatti davanti Norris, Sainz, Leclerc e Verstappen con l’olandese che si mette in testa con 1:36.390 e ben 1.3 di vantaggio sul compagno. Ci pensa poi Hamilton ad abbassare ulteriormente i tempi, con un decimo e mezzo di vantaggio sulla Red Bull, mentre Vettel va in testacoda lanciandosi sull’ultima curva per il suo giro veloce. Il tedesco si riprende successivamente portandosi in quinta posizione, dietro al compagno Leclerc e davanti ad Albon.

Davanti, intanto, le Mercedes si prendono la prima fila virtuale con Hamilton che abbassa il tempo in 1:35.851 davanti a Bottas, con il finlandese che gira in 1:36.200. In pitlane si sfiora l’incidente con Daniil Kvyat che viene fatto uscire dal box mentre sopraggiunge la Haas di Romain Grosjean, costretto a frenare e spostarsi vistosamente per evitare la Toro Rosso. Gli ultimi minuti sono concitati con la lotta per non essere esclusi.

Non vanno in Q2 Grosjean, le due Alfa di Raikkonen e Giovinazzi e le due Williams di Kubica e Russell. Il polacco chiude il 2019 senza mai aver fatto meglio del compagno in qualifica. Con gli ultimi giri Albon sale con la Red Bull in seconda posizione, Perez in sesta con la Racing Point e Gasly in nona con la Toro Rosso.

Q2 | Le due Red Bull, Hamilton e Magnussen con la Haas entrano in pista con gomme medie. Tutti gli altri, Ferrari comprese, sono su soft. Albon fa segnare 1:36.718 al primo tentativo, Magnussen resta dietro in 1:37.855 ma è Hamilton a scendere e di tanto, facendo segnare 1:35.634 con gomma gialla. le Rosse si fermano in seconda e terza posizione, rispettivamente a 63 e 152 millesimi con Charles Leclerc e Sebastian Vettel, ma con gomma soft.

Valtteri Bottas, che partirà dal fondo, si gioca comunque la Q2 portandosi in seconda posizione davanti alle Ferrari, a 40 millesimi dal suo compagno di squadra. Si torna in pista a due minuti e mezzo per giocarsi l’accesso alla Q3. A rischio sono Kvyat, Norris, Stroll, Gasly e Magnussen.

Alla fine a rimetterci sono le due Racing Point di Perez e Stroll e le Toro Rosso di Gasly e Kvyat, insieme alla Haas del danese. Davanti, invece, dopo un primo giro con la gomma soft Leclerc decide di effettuare un altro run con la media, migliorandosi e salendo in prima posizione. A questo punto lui e le Mercedes partiranno con gomma gialla nella gara di domani, mentre Vettel scatterà con gomma soft.

Q3 | Dentro tutti tranne Ricciardo per l’ultima parte delle qualifiche. Hulkenberg gira in 1:37.515 ma viene superato da Norris prima e dalle due McLaren poi. Arrivano i big: Lewis Hamilton si mette in pole con 1:34.828, Bottas si piazza alle sue spalle con 360 millesimi di distacco.

Le Ferrari si portano momentaneamente in terza e quarta posizione con Leclerc e Vettel (+0.391 e +0.511). Arriva poi Max Verstappen con la Red Bull: l’olandese, con un ottimo giro, si porta in seconda posizione tra le due Mercedes.

Si torna in pista a 2 minuti e mezzo per gli ultimi tentativi della qualifica che chiude la stagione, con Ricciardo che termina poco prima il suo unico tentativo portandosi in settima posizione. Hamilton migliora di 49 millesimi facendo segnare il record della pista, Bottas migliora ma resta a 194 millesimi dal compagno. Verstappen non migliora ma va in prima fila. Altro giallo in Ferrari: Leclerc prende incredibilmente il semaforo rosso e non può effettuare l’ultimo giro, mentre Vettel può tentare di migliorarsi ma non c’entra l’obiettivo. Ancora una volta il giro di lancio lento nel finale non ha pagato. Le Rosse sono rimaste imbottigliate dietro la Red Bull di Albon, a sua volta bloccato dalla McLaren di Sainz.

Per Hamilton è la pole numero 88 in carriera. Bottas, qualificato secondo, scatterà dal fondo. Sale in prima fila Max Verstappen, con le Ferrari che occupano la seconda fila.

Avatar of Alessandro Secchi
Alessandro Secchi
Classe 1983. Ragioniere sulla carta, informatico per necessità, blogger per anni ed ora giornalista pubblicista per passione. Una sedia, una tastiera e tre schermi sono il mio habitat naturale.
"Il mio Michael" è il mio libro su Schumi ma, soprattutto, il mio personale modo di dirgli "Grazie". #KeepFightingMichael, sempre!

P300 MAGAZINE

ULTIMI ARTICOLI

GRUPPI AMICI

Telegram | Passione Motorsport

ALTRI DALL'AUTORE