F1 | Gli ascolti del GP d’Italia 2018: con la RAI tornano i grandi numeri

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

Gli ascolti del Gran Premio d’Italia 2018 offrono sicuramente uno spunto di riflessione. L’unica gara trasmessa dalla RAI in questa stagione, la prima del 2018 in chiaro in diretta (le altre tre saranno Stati Uniti, Messico, Brasile su TV8), ha riportato i numeri d’ascolto a valori che non si vedevano da anni. Ma andiamo con ordine.

La gara di Monza è stata trasmetta in contemporanea da SKY, TV8 e, appunto, dalla RAI. La TV satellitare ha ottenuto il suo record personale per le dirette di un GP da quando è tornata ad avere i diritti nel 2013. È infatti di un milione e 712.000 il dato registrato dagli abbonati, con uno share del 10,7% e 358.000 persone in più collegate rispetto ad un anno fa. La contemporanea diretta su TV8 ha fatto registrare invece un milione e 270.000 spettatori per uno share dell’8,1%, per un totale di 2.982.000 spettatori che hanno seguito la vittoria di Lewis Hamilton sui canali di SKY. 

Veniamo ora alla RAI. La TV di Stato, dopo quasi un anno di assenza, ha fatto segnare il 34,8% di share con 5 milioni e 503.000 spettatori per l’unica corsa trasmetta in questo campionato. Il totale degli spettatori coinvolti nella visione è di 8 milioni e 485.000, dato per il quale dobbiamo tornare indietro al 2012 quando la RAI aveva ancora in mano il monopolio della trasmissione in chiaro.

Il dato del Gran Premio d’Italia riapre quindi la discussione sulla tramissione della Formula 1, lasciando ben intendere che la differita serale proposta da TV8 non serve assolutamente a compensare i numeri della diretta in chiaro. Sicuramente un gran peccato per un paese che, oltre ad essere patria della Ferrari, vive di cultura motoristica.

Segue grafico completo.

F1 | Gli ascolti del GP d'Italia 2018: con la RAI tornano i grandi numeri

P300 MAGAZINE

F1 | Gli ascolti del GP d'Italia 2018: con la RAI tornano i grandi numeri

Continua a seguirci

Avatar of Alessandro Secchi
Alessandro Secchi
Classe 1983. Ragioniere sulla carta, informatico per necessità, blogger per anni ed ora giornalista. Una sedia, una tastiera e tre schermi sono il mio habitat naturale.
"Il mio Michael" è il mio libro su Schumi ma, soprattutto, il mio personale modo di dirgli "Grazie". #KeepFightingMichael, sempre!

P300 MAGAZINE

NEWSLETTER

ULTIMI ARTICOLI

GRUPPI AMICI

Telegram | Passione Motorsport

ALTRI DALL'AUTORE

P300 MAGAZINE

F1 | Gli ascolti del GP d'Italia 2018: con la RAI tornano i grandi numeri

Continua a seguirci