F1 | George Russell vince l’ultimo Virtual GP in Canada

SEGUICI

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

George Russell è il dominatore della stagione virtuale della F1. Il pilota inglese della Williams ha vinto anche il Virtual GP del Canada sulla pista di Montreal che, proprio stasera, avrebbe dovuto ospitare il vero GP.

Per Russell è la quarta vittoria di fila dopo quelle di Barcellona, Montecarlo e Baku. Per lui arriva anche la vittoria del mondiale virtuale.

Il giovane Mercedes ha vinto davanti alla Red Bull di Alex Albon ed alla Mercedes di Esteban Gutierrez, conducendo la gara dall’inizio alla fine dopo aver ottenuto anche la pole position, restando oltretutto tra i pochissimi a non aver ricevuto penalità durante i 35 giri della gara di Montreal.

Vista la severità dell’asfalto canadese, sono state necessarie due soste per portare a casa la vittoria. Russell non è mai stato impensierito dai suoi avversari dimostrando di aver ormai raggiunto una confidenza assoluta con F1 2019.

Giù dal podio Caio Collet con la Renault, davanti allo youtuber Tiametmarduk. Sesta posizione per Guanuy Zhou (Renault) davanti all’altra Williams di Latifi e alla Mercedes di Anthony Davidson. Nona posizione per la prima Ferrari, quella di Callum Ilott, davanti a David Schumacher che chiude la top ten con la Force India.

Niente gara per Charles Leclerc, impegnato tra ieri ed oggi nella 24 ore di Le Mans Virtuale.

Finisce così il periodo virtuale della Formula 1, che tornerà alla realtà il 5 luglio con il Gran Premio d’Austria, prima gara della travagliata stagione 2020.

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

F1 | Il GP Portogallo 2020 secondo Brembo

La Guida ai sistemi frenanti Brembo per la gara all'Autodromo Internacional do Algarve Secondo i tecnici Brembo l’Autódromo...

CONDIVIDI

F1 | George Russell vince l'ultimo Virtual GP in Canada 1
Alessandro Secchi
Classe 1983. Ragioniere sulla carta, informatico per necessità, blogger per anni ed ora giornalista pubblicista per passione. Una sedia, una tastiera e tre schermi sono il mio habitat naturale.
"Il mio Michael" è il mio libro su Schumi ma, soprattutto, il mio personale modo di dirgli "Grazie". #KeepFightingMichael, sempre!

ALTRI DALL'AUTORE