F1 | Ferrari, porte girevoli: Cardile è l’ultimo in due anni di uscite e ingressi: ma la sostanza, per ora, non cambia

F1 | Ferrari, porte girevoli: Cardile è l’ultimo in due anni di uscite e ingressi: ma la sostanza, per ora, non cambia

AnalisiF1
Tempo di lettura: 4 minuti
di Alessandro Secchi @alexsecchi83
9 Luglio 2024 - 15:35
Home  »  AnalisiF1

L’uscita di Cardile, vociferata da settimane, è l’ultima di una serie che sta ridisegnando la Ferrari sotto la guida di Vasseur

L’annuncio dell’uscita di Enrico Cardile dalla direzione tecnica telaio, il giorno dopo il deludente weekend di Silverstone, suona un po’ come un segnale preoccupante vista la sua tempistica.

La chiusura del rapporto con l’ingegnere italiano, annunciato proprio oggi da Aston Martin, rappresenta la certificazione di un fallimento del progetto 2024, dopo un 2023 nel quale l’avanzamento nella seconda parte di stagione aveva alimentato speranze di rimonta nei confronti della Red Bull.

Comunicati con questa tempistica se ne sono visti in passato: basti ricordare l’uscita di Aldo Costa dopo il tremendo esito del GP di Spagna 2011, comunicata a strettissimo giro. Nel caso di Cardile, la sua uscita è solo l’ultima di una serie, iniziata con quella di Mattia Binotto alla fine del 2022 dopo una stagione dai due volti, con un inizio scoppiettante e una fine non esaltante.

Dall’avvicendamento di Binotto con Fred Vasseur, la Ferrari è cambiata nei volti e nella monoposto. Eppure, dopo una stagione e mezzo di insediamento del TP francese, sembra essersi nuovamente rotto qualcosa con una SF-24 che non ha rispettato le attese, soprattutto dopo due cicli di aggiornamenti dall’alto tasso di aspettativa e dal basso rendimento rispetto, soprattutto, alla diretta concorrenza di Mercedes e McLaren.

Quanti movimenti

Andiamo, quindi, a vedere quali e quanti sono i volti cambiati all’interno del Cavallino dall’arrivo di Vasseur.

Laurent Mekies: Direttore Sportivo già nell’era Binotto, Mekies sembrava potesse essere una delle pedine “stabili” in un giro di cambiamenti previsti ma, alla fine, ha scelto di lasciare per un ruolo decisionale all’interno di un altro team. Con l’uscita confermata ad aprile 2023, si è accasato in Visa Cash App, di cui ora è Team Principal dopo l’uscita di Franz Tost. Il suo posto è stato preso da Diego Ioverno.

David Sanchez: la sua uscita è datata marzo 2023, ovvero dopo l’inizio della scorsa stagione. Era responsabile principale della progettazione delle monoposto (“Head of vehicle concept”) e la sua esperienza in Ferrari era iniziata a fine 2012. Nel suo ruolo precedente, di aerodinamico, aveva contribuito alle monoposto che avevano dato filo da torcere alla Mercedes nel 2017 e 2018. Accasatosi in McLaren, dopo soli tre mesi di stagione 2024 ha lasciato Woking in direzione Alpine.

Cardile è il terzo nome che lascia in poco più di un anno, il secondo a livello tecnico. Oltre a questi tre personaggi di spicco, provenienti dalle precedenti gestioni, hanno lasciato anche figure più dietro le quinte quali Jonathan Giacobazzi (curava l’area PR soprattutto per gli ospiti del Cavallino) e Gino Rosato, indicato a grandi linee come “segretario generale”.

Non è finita, perché il reparto strategico è stato a sua volta rivisto dopo le polemiche degli ultimi tempi. Inaki Rueda, capo appunto delle strategie, è stato spostato di ruolo per fare posto a Ravin Jain. Mentre, da Miami, Charles Leclerc ha un nuovo ingegnere di pista in Bryan Bozzi, sostituto dello spesso criticato Xavi Marcos.

Sempre a maggio è stato comunicato l’arrivo di Jerome d’Ambrosio e Loic Serra da Mercedes. Inizieranno ad ottobre nei ruoli rispettivamente di “Deputy Team Principal” (vice di Vasseur) e responsabile della FDA (D’Ambrosio) e “Head of Chassis Performance Engineering”. Serra doveva lavorare a riporto di Cardile, ma con l’uscita del DT ora sarà da capire chi ricoprirà quel ruolo al momento affidato a Vasseur. Sempre parlando di francofoni, ha iniziato proprio in questo mese Cedric Sambardier, ingegnere dell’area compositi: dopo esperienze in Sauber, Manor, Renault, ha lavorato in Red Bull per sette anni.

Situazione delicata

La situazione attuale della Ferrari è quanto meno delicata. Con i regolamenti 2026 appena annunciati e con la monoposto 2025 da portare avanti la Rossa si trova senza DT, con il ruolo assunto ad interim da Vasseur. Il tutto in un momento non felice della stagione. Nelle ultime quattro gare a Maranello si sono conquistati 50 punti contro i 97 di Red Bull, i 111 di McLaren e i 125 di Mercedes, vincitrice degli ultimi due appuntamenti. Il secondo posto in classifica, che sembrava messo in cassaforte dopo le prime gare, è ormai a rischio con McLaren ad appena 7 punti e c’è anche il nodo piloti.

Sempre negli ultimi 4 appuntamenti, Sainz ha conquistato 38 punti contro i 12 di un depresso Leclerc: dopo il successo di Montecarlo, il monegasco si è salvato con il quinto posto di Barcellona e con due punti recuperati nella Sprint austriaca. Per il resto, il ruolino di marcia si è fermato, Norris l’ha scavalcato in classifica e Sainz è vicinissimo.

Il tutto non desterebbe molte preoccupazioni se non fosse che lo spagnolo è in procinto di lasciare la Rossa a fine 2024, con il redivivo Lewis Hamilton in arrivo. Un altro grattacapo per il monegasco e per la Ferrari tutta, che dovrà essere all’altezza del blasone del sette volte iridato.

Non si prospettano, insomma, tempi facili per la Rossa. E purtroppo, dal 2008, di periodi così ce ne sono stati anche troppi.

Immagine di copertina: Media Ferrari

Leggi anche

Il calendario completo del mondiale 2024

Tutte le ultime News di P300.it

È vietata la riproduzione, anche se parziale, dei contenuti pubblicati su P300.it senza autorizzazione scritta da richiedere a info@p300.it.

#13 | GP UNGHERIA
DATI E PREVIEW
INFO SESSIONI E RISULTATI

19/21 luglio | Budapest
Hungaroring | 70 Giri

#hungariangp

Mappa e Stats
LIBERE
FP1: Ven 13:30-14:30
P1: Sainz
FP2: Ven 17:00-18:00
P1: Norris
FP3: Sab 12:30-13:30
P1: Norris
QUALIFICHE
SKY: Sab 16:00-17:00
(TV8: 18:00)

Pole: Norris

Leggi la Cronaca
GARA
SKY: Dom 15:00
(TV8: 16:30)

Winner: Piastri
P2: Norris
P3: Hamilton
Leggi la Cronaca

Lascia un commento

Devi essere collegato per pubblicare un commento.

COLLABORIAMO CON

P300.it SOSTIENE

MENU UTENTE

REGISTRATI

RICEVI LA NEWSLETTER
Iscriviti per rimanere sempre aggiornato
(puoi sempre iscriverti in seguito)
SOCIAL
Iscriviti sui nostri canali social
per ricevere aggiornamenti live