F1 | Comunicato congiunto delle squadre non motorizzate Ferrari contro l’accordo Ferrari-FIA

F1
Tempo di lettura: 2 minuti
di Federico Benedusi @federicob95
4 Marzo 2020 - 11:32
Home  »  F1Top

Le sette squadre di F1 non motorizzate Ferrari hanno rilasciato poco fa, sui rispettivi siti ufficiali, un comunicato congiunto contro il “settlement agreement” raggiunto venerdì tra FIA e Ferrari riguardo la questione motori sollevata lo scorso ottobre.

Ecco la traduzione del suddetto comunicato:

“Noi, team firmatari, siamo rimasti sorpresi e scioccati dal comunicato FIA di venerdì 28 febbraio riguardante la conclusione dell’investigazione sulla power unit della Scuderia Ferrari.

Una Federazione sportiva internazionale ha la responsabilità di agire sotto i più alti standard di autorità, integrità e trasparenza.

Dopo mesi di investigazioni da parte della FIA, che ha semplicemente accolto una richiesta posta da altri team, ci opponiamo fermamente dall’accordo confidenziale tra FIA e Ferrari a conclusione della questione.

Inoltre, rendiamo pubblico il nostro impegno comune al raggiungimento di una piena e propria conclusione della questione, per assicurarci che questo sport tratti tutti i competitors in maniera giusta ed equa. Facciamo questo per i fans, per i partecipanti al campionato e per gli azionisti della F1.

Infine, ci riserviamo il diritto di ricorrere a vie legali nell’ambito di un regolare processo alla FIA davanti ai tribunali competenti.

McLaren Racing Limited
Mercedes-Benz Grand Prix Limited
Racing Point UK Limited
Red Bull Racing Limited
Renault Sport Racing Limited
Scuderia Alpha Tauri S.p.A.
Williams Grand Prix Engineering Limited”
.

Leggi anche

Il calendario completo del mondiale 2024

Tutte le ultime News di P300.it

È vietata la riproduzione, anche se parziale, dei contenuti pubblicati su P300.it senza autorizzazione scritta da richiedere a info@p300.it.

LE ULTIME DI CATEGORIA
Lascia un commento

Devi essere collegato per pubblicare un commento.

COLLABORIAMO CON

P300.it SOSTIENE

MENU UTENTE

REGISTRATI

CONDIVIDI L'ARTICOLO