F1 | Ciao, piccolo Harry

F1 | Ciao, piccolo Harry

“È con la più profonda tristezza e con il cuore a pezzi che vi dobbiamo informare che Harry ci ha lasciati sabato sera. Ha combattuto fino alla fine ed eravamo entrambi con lui nei suoi ultimi momenti. Il suo dolore e la sua sofferenza sono terminate. È impossibile immaginare la vita senza di lui ed il vuoto che lascerà nelle nostre esistenze. Siamo così orgogliosi di Harry, di tutto ciò che ha ottenuto nella sua vita e di quello che si è creato grazie a lui per poter aiutare gli altri. Vorremmo chiedere di non inviare fiori ma, se volete contribuire, vi preghiamo di continuare a supportare la Harry’s Giant Pledge.

Ci manca tantissimo. Con amore James, Charlotte e Georgia.”

Con questo messaggio sui Social, i genitori di Harry Shaw hanno comunicato che il piccolo si è addormentato sabato sera. Vi avevamo raccontato la storia di Harry dopo il Gran Premio di Barcellona. Malato terminale di cancro, il piccolo aveva inviato tramite Instagram un messaggio di supporto a Lewis Hamilton, il quale aveva ricevuto l’incoraggiamento e risposto al piccolo. Dopo la vittoria del Gran Premio di Spagna, la Mercedes aveva fatto visita alla famiglia portando con sé una monoposto ed alcuni gadget, tra cui un paio di guanti del campione in carica inglese. 

Il 29 aprile gli erano stati diagnosticati soli sette giorni di vita. Harry ha lottato per più di un mese, assistendo a due vittorie del suo pilota preferito. Le porterà sempre con sé.

Da tutti noi le più sentite condoglianze alla famiglia.

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

CONDIVIDI

14,524FansLike
867FollowersFollow
1,630FollowersFollow
F1 | Ciao, piccolo Harry 2
Alessandro Secchi
Classe 1983. Ragioniere sulla carta, informatico per necessità, blogger per anni ed ora giornalista pubblicista per passione. Una sedia, una tastiera e tre schermi sono il mio habitat naturale.
"Il mio Michael" è il mio libro su Schumi ma, soprattutto, il mio personale modo di dirgli "Grazie". #KeepFightingMichael, sempre!

ALTRI DALL'AUTORE