F1 | Caso Ferrari: emerge una lettera privata dei sette team alla FIA

SEGUICI

Telegram | Canale News

Telegram | Gruppo Discussione

Twitter

Instagram

Non accenna a fermarsi, ad una settimana dall’accendersi dei motori a Melbourne, il caso che coinvolge FIA, Ferrari ed i sette team non motorizzati dalla PU di Maranello. Dopo il comunicato FIA del 28 febbraio, quello congiunto dei sette team di mercoledì e la risposta della stessa Federazione nella giornata di ieri, emerge dalle informazioni riportate dalla BBC una lettera privata inviata dalle stesse sette squadre alla FIA ed alla F1, in contemporanea al comunicato rilasciato congiuntamente.

Se pubblicamente, quindi, i sette team hanno condiviso il loro disappunto per la chiusura dell’investigazione sulla Power Unit Ferrari senza però alcun dettaglio aggiuntivo, in privato – secondo la BBC – sarebbe stata inviata una comunicazione ben più dettagliata con richieste precise di chiarimenti.

Non sono noti i contenuti precisi di questa lettera parallela, anche per il rifiuto degli stessi team a precisa richiesta della BBC di divulgare queste informazioni. In linea generale, i dubbi vertono:
– Sul fatto che la FIA non è stata capace di provare l’eventuale illegalità della PU Ferrari.
– Sulla segretezza dell’accordo
– Sull’integrità delle classifiche 2019
– Sulla credibilità della FIA stessa nel gestire ed essere in grado di far rispettare i regolamenti tecnici.

La risposta della Federazione di ieri non ha soddisfatto i sette team, i quali vogliono risposte chiare ad una situazione che diventa sempre più complicata ogni giorno che passa.

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

CONDIVIDI

F1 | Caso Ferrari: emerge una lettera privata dei sette team alla FIA 2
Alessandro Secchi
Classe 1983. Ragioniere sulla carta, informatico per necessità, blogger per anni ed ora giornalista pubblicista per passione. Una sedia, una tastiera e tre schermi sono il mio habitat naturale.
"Il mio Michael" è il mio libro su Schumi ma, soprattutto, il mio personale modo di dirgli "Grazie". #KeepFightingMichael, sempre!

ALTRI DALL'AUTORE