F1 | Carlos Sainz alla prima da ferrarista: “Non dimenticherò mai la giornata di oggi”

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

Primi giri per Sainz da pilota del Cavallino a Fiorano. Ecco la cronaca della giornata e le prime impressioni dello spagnolo

Alle 9.30 la serranda del box della pista di Fiorano si è sollevata e un minuto più tardi Carlos Sainz ha effettuato il suo primo giro al volante di una Ferrari di Formula 1. Il ventiseienne madrileno, che ovviamente sfoggiava sulla SF71H del 2018 il numero 55 che da sempre lo accompagna nella massima categoria automobilistica, nel giorno inaugurale del suo viaggio agonistico con la Scuderia ha completato un totale di oltre cento giri.

Carlos ha iniziato a interagire con gli ingegneri coi quali aveva già fatto diverse riunioni nelle scorse settimane e a familiarizzare con i meccanici e le procedure della vettura, molte delle quali saranno valide anche sulla SF21 che lo spagnolo, al pari di Charles Leclerc, proverà per la prima volta in Bahrain, la seconda settimana di marzo, nel corso dei test pre-stagionali.

Parterre d’eccezione. Ad assistere ai primi giri di Carlos, oltre a un buon numero di tifosi e giornalisti presenti sul cavalcavia della strada che porta a Maranello – nel pomeriggio è anche comparso uno striscione con scritto “Vamos Carlos!” –, c’erano il padre, il celebre rallysta Carlos Sainz senior, il compagno di squadra Charles Leclerc e anche il Direttore della Ferrari Driver Academy, Marco Matassa, che con lo spagnolo ha lavorato a stretto contatto per tre anni ai tempi della Scuderia Toro Rosso, squadra nella quale Sainz ha militato dal 2015 al 2017.

Quinto spagnolo. Carlos è il quinto pilota spagnolo a far parte della Scuderia. Prima di lui Fernando Alonso, che con il team di Maranello ha gareggiato per cinque stagioni disputando 96 Gran Premi e vincendone 11, e il nobiluomo Alfonso de Portago, che con la Ferrari ha corso 5 GP ottenendo un secondo posto nel Gran Premio di Gran Bretagna del 1956. Al loro fianco anche due collaudatori: Pedro de la Rosa e Marc Gené, ancora legato al Cavallino Rampante come ambassador e tutor per i piloti degli esclusivi Programmi XX ed F1 Clienti.

Seat fit per Leclerc. Charles, dopo aver seguito i primi giri di Carlos, ha invece lasciato Fiorano per recarsi nel reparto Montaggio Veicolo della Gestione Sportiva dove ha effettuato il suo seat fit per la monoposto 2021.

Tandem. Domani mattina Carlos Sainz sarà nuovamente al volante della SF71H, mentre nel pomeriggio a prendere il suo posto sarà Mick Schumacher, pilota della Ferrari Driver Academy che nella stagione 2021 gareggerà con l’Haas F1 Team. Il tedesco sarà impegnato alla guida anche venerdì mattina, mentre a chiudere la cinque giorni di test della Scuderia sarà il collaudatore Callum Ilott, anche lui membro di FDA.

https://twitter.com/ScuderiaFerrari/status/1354490047714766858

Carlos Sainz #55

“Credo che non dimenticherò mai la giornata di oggi. Questa mattina la sveglia è suonata all’alba perché avevamo delle riunioni molto presto prima di cominciare a girare. Quando sono arrivato in pista e ho visto la Ferrari con il mio numero 55 mi sono molto emozionato lo stesso è accaduto durante il primo giro.

Poi abbiamo iniziato il lavoro e devo dire che sono molto soddisfatto, perché siamo riusciti a completare il programma e per me è stato possibile familiarizzare con tutto: dai tecnici ai meccanici, dal volante alle procedure che sono ovviamente un po’ diverse rispetto alle vetture che ho guidato sin qui.

È stato molto bello poter avere a fianco mio padre in un momento così importante per me e per aver reso possibile tutto questo ringrazio Mattia, Laurent e tutta la Ferrari. Sono molto contento, meglio di così non potevamo cominciare.”

Immagine e fonte: Media Ferrari

ULTIMI ARTICOLI

MONOPOSTO by SAURO

Avatar of Alessandro Secchi
Alessandro Secchi
Classe 1983. Ragioniere sulla carta, informatico per necessità, blogger per anni ed ora giornalista pubblicista per passione. Una sedia, una tastiera e tre schermi sono il mio habitat naturale.
"Il mio Michael" è il mio libro su Schumi ma, soprattutto, il mio personale modo di dirgli "Grazie". #KeepFightingMichael, sempre!

ALTRI DALL'AUTORE