F1 | Cancellato il GP del Canada 2021 a causa del Covid. La Turchia al suo posto

CONDIVIDI

Per il secondo anno consecutivo non si correrà a Montréal. Il GP del Canada sostituito da Istanbul

Quella che era una voce ricorrente in questi giorni si è trasformata in realtà. Per il secondo anno consecutivo, a causa della pandemia da Covid-19 e delle conseguenti restrizioni di viaggio, il Gran Premio del Canada non si correrà. Dopo essere stato cancellato dal calendario 2020, anche nel 2021 il circuito intitolato a Gilles Villeneuve non sarà presente con le monoposto che si porteranno invece in Turchia per il secondo anno di fila, nello stesso weekend dell’11/13 giugno, all’Istanbul Park.

La cancellazione è stata resa necessaria dall’impossibilità di accedere al paese senza un periodo di 14 giorni di quarantena come da norme attualmente vigenti. La Formula 1 lavorerà a stretto contatto con il promoter al fine di prevedere dei rimborsi o l’estensione dei biglietti attualmente pagati per la gara del 2022.

Non cambia quindi il numero di gare – restano 23 – con il GP della Turchia che rientra in corsa dopo la gara che ha consegnato a Lewis Hamilton il settimo titolo iridato nella scorsa stagione.

Stefano Domenicali, Presidente e CEO della Formula 1: “Mentre è deludente non poter correre in Canada questa stagione siamo contenti che la Turchia ospiterà la gara al suo posto, dopo una grande gara l’anno scorso. Voglio ringraziare il promoter e le autorità canadesi per il loro impegno nelle scorse settimane, ma la situazione dei trasferimenti ha reso i nostri piani impossibili. Voglio anche ringraziare il promoter e le autorità turche per il loro impegno nell’ospitare ancora la Formula 1, segno di un interesse continuo nello sport.”

SEGUICI


LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Avatar of Alessandro Secchi
Alessandro Secchi
Classe 1983. Ragioniere sulla carta, informatico per necessità, blogger per anni ed ora giornalista. Una sedia, una tastiera e tre schermi sono il mio habitat naturale.
"Il mio Michael" è il mio libro su Schumi ma, soprattutto, il mio personale modo di dirgli "Grazie". #KeepFightingMichael, sempre!

P300 MAGAZINE

NEWSLETTER

ULTIMI ARTICOLI

GRUPPI AMICI

ALTRI DALL'AUTORE

SEGUICI