F1 | Anche Silverstone a rischio abbandono

SEGUICI

Telegram | Canale News

Telegram | Gruppo Discussione

Twitter

Instagram

Notizie non proprio incoraggianti quelle che provengono dall’Inghilterra: il Gran Premio di Gran Bretagna a Silverstone è infatti a rischio abbandono del calendario dopo il 2019.

Il British Racing Drivers Club, che gestisce l’autodromo, ha inviato una lettera a tutti i suoi membri comunicando che, viste le condizioni economiche e i costi di organizzazione dell’evento, sarà necessario considerare (ed eventualmente comunicare) prima del GP di Gran Bretagna 2017 l’opportunità di avvalersi dell’opzione di rinuncia ad ospitare l’evento oltre il 2019. Terminata l’Odissea Monza, quindi, un altro storico circuito rischia di vedersi cancellato dal calendario iridato.

Calendario che, nei prossimi anni, potrebbe cambiare non poco. Gli organizzatori del GP della Malesia a Sepang, infatti, hanno già comunicato l’intenzione di non rinnovare l’evento al termine del contratto nel 2018. Singapore vorrebbe chiudere l’esperienza GP nello stesso anno. Ora si aggiunge Silverstone che, non ce ne vogliano le altre due sedi, ha peso storico decisamente superiore e, nel caso dovesse saltare, creerebbe un pericoloso precedente parzialmente compensato dal ritorno nel 2018 della Francia con il GP al Paul Ricard.

Damon Hill, ex presidente del BRDC, ha chiesto pubblicamente al governo inglese un aiuto per far sì che il GP possa restare a Silverstone: “Questo è un evento nazionale molto amato, però è sempre stato difficile avere sostegno dal governo: forse è il caso di vedere il Gran Premio di Gran Bretagna, oltre che come evento sportivo, come un esempio di quello che il nostro paese è in grado di fare in senso generale.”

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

CONDIVIDI

F1 | Anche Silverstone a rischio abbandono 2
Alessandro Secchi
Classe 1983. Ragioniere sulla carta, informatico per necessità, blogger per anni ed ora giornalista pubblicista per passione. Una sedia, una tastiera e tre schermi sono il mio habitat naturale.
"Il mio Michael" è il mio libro su Schumi ma, soprattutto, il mio personale modo di dirgli "Grazie". #KeepFightingMichael, sempre!

ALTRI DALL'AUTORE