F1 | Analisi Verstappen-Hamilton: nelle gare “normali” è 6 a 3 per Max

Su 17 gare solo 9 si sono corse senza stravolgimenti. In queste è l’olandese a prevalere sul sette volte campione del mondo

Il mondiale 2021, indipendentemente da come finirà, verrà ricordato come uno dei più condizionati degli ultimi anni dal meteo e dagli incidenti, che stanno contribuendo a portare la lotta tra Lewis Hamilton e Max Verstappen sempre più in là.

Il divario di 12 punti tra l’olandese e il campione del mondo è decisamente marginale quando mancano cinque gare alla fine del mondiale ed è quindi difficile fare un pronostico, soprattutto quando l’andamento della stagione ha regalato ribaltoni a tratti clamorosi.

Un modo per cercare di capire chi dei due contendenti al titolo ha più chance “sulla carta” abbiamo quindi analizzato le 17 gare disputate fino ad ora escludendo quelle che sono state caratterizzate da fattori esterni quali meteo, incidenti e penalità in griglia; isolando, quindi, gli appuntamenti che si sono corsi esclusivamente sulla base del ritmo e della strategia.

F1 | Analisi Verstappen-Hamilton: nelle gare "normali" è 6 a 3 per Max

Quel che ne rimane sono nove appuntamenti “puliti” nei quali Verstappen ha prevalso per sei volte contro le tre di Hamilton. Andiamo però con ordine.

Bahrain | La gara viene vinta da Hamilton dopo che Verstappen restituisce la prima posizione, guadagnata con un sorpasso oltre i limiti della pista in curva 4. Max non riesce a ritentare il sorpasso nel finale e quindi resta secondo. 1-0 per Lewis.

Emilia-Romagna | In un’umidissima Imola la bandiera rossa dopo l’incidente tra Bottas e Russell salva Hamilton, di ritorno in pista dopo l’uscita alla Tosa. Senza interruzione sarebbe rientrato doppiato e il secondo posto dietro Verstappen non sarebbe stato probabilmente alla portata. Gara che non contiamo.

Portogallo e Spagna | Sul ritmo le Mercedes ne hanno ben di più della Red Bull e Hamilton si porta sul 3-0 nella nostra analisi.

Monaco | Verstappen domina la gara dopo l’harakiri di Leclerc in qualifica. Hamilton non va oltre il settimo posto. 3-1 per Lewis.

Azerbaijan | La gomma esplosa sulla Red Bull di Verstappen a pochi giri dal termine toglie una vittoria meritata all’olandese. L’errore di Hamilton alla ripartenza dopo la bandiera rossa costa all’inglese diversi punti. Gara che non consideriamo, anche perché entrambi hanno chiuso a zero punti

Francia | Al contrario di quanto successo in Spagna, la Red Bull si gioca la carta della sosta aggiuntiva e recupera la Mercedes nel finale, con Verstappen che beffa Hamilton nel penultimo giro. 3-2 di Lewis su Max.

Stiria e Austria | Weekend perfetti per la Red Bull, che infila due vittorie di fila con l’olandese. Verstappen sale a +32 su Hamilton, il team austriaco a +44 sui campioni in carica. 4-3 per Max su Lewis.

Gran Bretagna | L’incidente del primo giro alla Copse, con Hamilton penalizzato di 10″, mette fuori causa Verstappen. Lewis vince ma senza il diretto rivale in pista. Gara non conteggiata.

Ungheria | L’incidente alla partenza innescato da Bottas coinvolge anche Verstappen, che dal fondo recupera fino alla nona posizione con la monoposto completamente danneggiata sul lato destro. Gara non conteggiata.

Belgio | Verstappen vince una gara di soli due giri dietro Safety Car, che assegna punteggio dimezzato tra le polemiche. Gara non conteggiata.

Olanda | La folla olandese celebra la vittoria di Verstappen al ritorno di Zandvoort nel mondiale. Max gestisce la gara senza problemi con Hamilton secondo. 5-3 per Max su Lewis.

Italia | L’incidente con il quale Hamilton e Verstappen si autoeliminano lascia entrambi a zero punti e la gara non può essere conteggiata.

Russia | Hamilton vince, Verstappen arriva secondo ma partendo dal fondo dopo il cambio di PU. Gara non conteggiata.

Turchia | Bottas è primo, Verstappen secondo recupera punti su Hamilton, quinto, ma la penalità in griglia dell’inglese per il cambio del motore esclude questa gara dal conteggio.

Stati Uniti | Verstappen resiste al ritorno di Hamilton nel finale con una gestione gomme sopraffina, precedendo l’inglese di poco più di un secondo sul traguardo. 6-3 per Max.


Le gare non conteggiate significano due vittorie in meno a testa per i due contendenti al titolo. Con soli 12 punti di vantaggio nonostante tre vittorie in più, sul campionato di Verstappen ad oggi pesano come macigni lo zero di Silverstone e il nono posto di Budapest dopo l’incidente al via nel quale è stato coinvolto; anche immaginando due secondi posti – concedendo quindi due vittorie e non una a Hamilton – l’inglese avrebbe sette punti in più in classifica (e quindi 5 di differenza ad oggi) ma l’olandese ne avrebbe 34 in più, per un totale di 39 di vantaggio. Considerando che, al momento dello scoppio di Baku, l’olandese stava guadagnando altri 10 punti sul campione in carica (3° dietro Pérez in quel momento), saliremmo a 49 a 5 GP dal termine.

Con i “se” e con i “ma”, ovviamente, non si va da nessuna parte e non possiamo sapere come questo mondiale andrà a finire. Considerando però il puro passo gara e la competitività, fino all’Austria Verstappen e Red Bull avevano legittimato una leadership persa poi tra incidenti senza colpe e penalità varie.

In condizioni di gara normali Verstappen ha comunque dimostrato a più riprese, in questo 2021, di poter battere Hamilton. Il 6-3 nei confronti in condizioni normali è senza appello, tra l’altro con le ultime sei consecutive: questo senza considerare che in Bahrain Max era passato (sarebbe stato un 7-2), per poi deconcentrarsi oltremodo nel lasciare la posizione a Lewis, perdendo la possibilità di andare subito in testa in classifica.

Negli ultimi cinque appuntamenti il meteo dovrebbe incidere meno. In Messico non è mai piovuto da quando la F1 è tornata, Interlagos è un terno al lotto da sempre (e quindi potremmo aspettarci la pioggia in una stagione del genere) mentre in Qatar, Arabia ed Abu Dhabi difficilmente dovrebbero esserci scherzi. Mai dire mai, però. Dopo tutto è da marzo che questo 2021 regala ribaltamenti inaspettati.

Immagine: Red Bull

SHARE

SUBSCRIBE

TOP

LATEST

LEGGI ANCHE

F1

FEEDER SERIES

RUOTE COPERTE

RALLY

USA

FULL ELECTRIC

MOTOMONDIALE

SUPERBIKE/SSP

MOTOCROSS