F1 | AlphaTauri AT02, Tost: “L’obiettivo è il top del midfield”

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

Seguono le dichiarazioni di Franz Tost, team Principal, dopo la presentazione della AlphaTauri AT02

Dopo un’ottima prima annata come Scuderia AlphaTauri ecco come il Team Principal di AlphaTauri, Franz Tost, vede la stagione che sta per iniziare.

Com’è andato il primo anno di collaborazione con AlphaTauri?

FT: “Con AlphaTauri c’è un fantastico rapporto di collaborazione. Abbiamo delle filosofie molto simili che tendono alla funzionalità e all’innovazione. Alla Scuderia AlphaTauri prestiamo molta attenzione allo sviluppo della vettura, puntando sempre a all’innovazione tecnologica. Significa ricercare costantemente nuovi modi per migliorare, cosa che fa anche AlphaTauri con i suoi prodotti. Il nostro modo di pensare è davvero molto simile e questo rende il lavoro di squadra davvero semplice”.

La prima stagione come Scuderia AlphaTauri è andata bene: il miglior punteggio di sempre, il record di 10 gare consecutive in Top10, con punti conquistati in 15 delle 17 gare disputate. Anche se il team puntava a una posizione migliore nel Mondiale Costruttori, sei soddisfatto e pronto per qualcosa di più?

FT: “La prima stagione come Scuderia AlphaTauri è andata bene e siamo migliorati in tanti aspetti. Abbiamo fatto dei bei passi avanti sotto il profilo aerodinamico e anche il design office ha potuto fare dei miglioramenti per rendere tutte le procedure più fluide, raggiungendo più velocemente gli obiettivi. Anche dal punto di vista operativo siamo andati nella giusta direzione e abbiamo fatto dei pit-stop molto veloci che ci hanno aiutato a ottenere dei risultati piuttosto buoni durante l’anno. Grazie a questo lavoro abbiamo raggiunto a Monza il momento più alto della nostra stagione, con la vittoria di Monza, la prima per Pierre Gasly. Tuttavia, non posso dimenticare che ci siamo ritirati quattro volte: in tre occasioni per problemi di affidabilità e in una per un incidente in cui è stato coinvolto Pierre. In altre parole, abbiamo perso quattro occasioni per segnare altri punti. Dobbiamo assolutamente evitare di trovarci in situazioni simili, quindi abbiamo tanto lavoro davanti a noi, ma la squadra si sta focalizzando proprio su questo, preparandosi nel miglior modo possibile alla nuova stagione. Spero che la nuova vettura sia buona come ci aspettiamo, perché se i nostri piloti avranno una vettura competitiva, penso potremo puntare a una stagione migliore”.

A proposito di piloti, quest’anno ne avrete uno esperto – Pierre Gasly, che ha vinto una gara e conosce bene le dinamiche del team – e un esordiente assoluto, Yuki Tsunoda, arrivato in F1 dopo un solo anno di F2 e che ha molto da imparare. Come si è arrivati alla scelta di questa line-up?

FT: “Quest’anno avremo un’interessante coppia di piloti. Da una parte c’è un pilota esperto e dall’altra un debuttante. Credo che Pierre sia uno dei piloti più forti attualmente in F1. La sua buona comprensione tecnica gli permette di tirare fuori il meglio dalla macchina. Pierre è nel team da un po’ di tempo, quindi conosce tutte le procedure e il nostro metodo di lavoro: sarà un buon leader e aiuterà Yuki nella sua crescita. Sa come si vincono le gare e lo ha dimostrato l’anno scorso a Monza: se gli metteremo a disposizione una macchina competitiva, farà ancora meglio quest’anno.

Al suo fianco ci sarà Yuki, che è arrivato terzo nel campionato di F2: guardando le sue gare lo scorso anno, devo dire che ha fatto un lavoro fantastico. Ha vinto delle corse e ha effettuato molti sorpassi impressionanti. Yuki ha già completato dei test con noi su una F1 e sono convinto che inizierà con il piede giusto la sua carriera in F1, grazie alla sua velocità e al suo talento naturale. La decisione di avere Pierre e Yuki nel 2021 è stata presa perché la filosofia della Scuderia AlphaTauri è ancora quella di dare l’opportunità ai giovani piloti del Red Bull Junior Programme di arrivare in F1 e farli crescere. Questo è il motivo per cui Yuki può giocarsi le sue carte.

Con Pierre al suo fianco, abbiamo un pilota esperto che può aiutare il nostro rookie giapponese a crescere più rapidamente e, allo stesso tempo, puntare a buoni risultati. Penso che questa coppia sia l’opzione migliore per raggiungere i nostri obiettivi e sono fiducioso che avrà successo”.

Come e perché Yuki potrà trarre vantaggio dall’avere Pierre come compagno di squadra?

FT: “Pierre è un pilota molto abile e ora ha anche l’esperienza necessaria per essere un leader nel team e per Yuki. Ogni pilota si confronta in primis con il proprio compagno di squadra. Quindi, più è bravo quest’ultimo, più si è spinti a migliorarsi. Yuki può imparare molto da Pierre sotto ogni aspetto, per esempio confrontando i tempi sul giro, l’assetto della vettura o le traiettorie: tutto questo è molto importante, soprattutto sulle piste nuove per Yuki. Avere un compagno di squadra esperto con cui confrontarsi aiuta a migliorare le performance.

Quando era impegnato nel campionato giapponese di F4 è stato selezionato dalla Honda, che lo ha supportato. Nel 2019 è anche entrato a far parte del Red Bull Junior Team. Si è trasferito in Europa per competere nel campionato di F3 e nel 2020 ha corso in F2. Da parte sua ci aspettiamo una curva di apprendimento piuttosto ripida e dovrebbe essere in grado di ottenere una buona prestazione abbastanza velocemente. Chiaramente, farà i suoi errori e questo fa parte del programma di crescita, ma ciò che è davvero straordinario è il suo controllo della macchina: il suo punto forte è la frenata e la velocità di percorrenza delle curve veloci. Se continua a imparare con lo stesso ritmo con cui lo ha fatto nei test di Imola e Abu Dhabi dell’anno scorso, sono certo che ci farà vedere delle gare fantastiche”.

Questo è l’ultimo anno della Honda in F1. Puoi parlarci degli sviluppi e delle tue aspettative per quest’anno… e oltre?

FT: “È davvero un peccato che la Honda abbia deciso di fermarsi alla fine di quest’anno perché gli ingegneri di Sakura hanno fatto un lavoro fantastico negli ultimi anni. Attualmente la Power Unit Honda ha raggiunto un livello di competitività e affidabilità molto alto. Quest’anno avremo un ulteriore sviluppo della PU e mi aspetto un miglioramento delle prestazioni sia per la Scuderia AlphaTauri che per la Red Bull Racing”.

È ormai ufficiale che Red Bull Powertrains Limited acquisirà la tecnologia delle Power Unit della Honda all’inizio del 2022. Cosa vuol dire questo per la Scuderia AlphaTauri?

FT: “Honda ha investito tutte le sue energie, intensamente e instancabilmente, sulla tecnologia ibrida per dare vita a una Power Unit altamente competitiva e il nostro rapporto con loro è sempre stato produttivo e piacevole, ed è per questo che la decisione di fermarsi alla fine del 2021 è stata piuttosto deludente per il team. Oggi, siamo felici di poter continuare a utilizzare la tecnologia delle Power Unit Honda, gestita dalla neonata Red Bull Powertrains Limited.

Voglio ringraziare la FIA, il management della Formula 1 e tutti i team per aver concordato all’unanimità il congelamento dello sviluppo dei motori a partire dal prossimo anno, cosa che ha permesso di giungere a questo accordo. Crediamo che questa soluzione sia la migliore per il futuro della Red Bull Racing e della Scuderia AlphaTauri e ci accompagnerà fino all’introduzione della prossima generazione di motori nel 2025. Sarà anche un’ulteriore motivazione per provare a ottenere i migliori risultati possibili nell’ultima stagione di Honda in questo sport”.

C’è qualcos’altro che vorresti aggiungere?

FT: “Nel 2020 la Scuderia AlphaTauri è stata una squadra di centro gruppo e abbiamo lottato con successo contro altri team come McLaren, Renault e Racing Point. Ma il nostro obiettivo per quest’anno è quello di essere costantemente al vertice del midfield e migliorare ulteriormente. Per raggiungere questo obiettivo dobbiamo stare alla larga dai problemi di affidabilità e finire tutte le gare a punti.

Questo sarà possibile solo se non commetteremo errori e rimarremo concentrati al 100% sul nostro lavoro, gara dopo gara, dentro e fuori la pista, perché i nostri avversari sono molto forti. Faremo del nostro meglio per dar vita a un bel campionato, sia per tutti i fan della F1 – che spero di vedere presto in pista, ad animare le tribune – sia per i nostri partner che continuano a credere in noi: Red Bull, AlphaTauri, Honda, MyWorld, Casio Edifice, Randstad e RDS, giusto per citarne alcuni”.

Immagine: AlphaTauri



P300 MAGAZINE

Continua a seguirci

P300 MAGAZINE

NEWSLETTER

ULTIMI ARTICOLI

GRUPPI AMICI

Telegram | Passione Motorsport

ALTRI DALL'AUTORE

P300 MAGAZINE

Continua a seguirci