F1 | Alonso e le preferenze inglesi: “Quando le cose diventano tese… è un ambiente britannico”

Lo spagnolo ha punzecchiato l’ambiente F1 sull’onda delle polemiche del caso Silverstone tra Hamilton e Verstappen

Il weekend di Budapest era iniziato, comprensibilmente, con le domande relative all’incidente del Gran Premio di Gran Bretagna tra Lewis Hamilton e Max Verstappen durante le conferenze stampa del giovedì. Con l’olandese visibilmente e verbalmente seccato dalle continue insistenze dei media nel voler tornare all’episodio di Silverstone, fino al punto di chiedere di dare un taglio alle continue domande.

Ad entrare nella questione è stato Fernando Alonso che, come da tradizione, non lascia nulla al caso quando c’è da essere schietti a qualsiasi costo.

Allo spagnolo è stato chiesto se avesse qualche pensiero riguardo lo sfogo dell’olandese, imbeccato dalle domande sui fatti del GP precedente. Fernando è stato chiaro sin dall’inizio: “Non ho visto la conferenza stampa, ma – riferendosi sia ad Hamilton che a Verstappen – probabilmente capisco cosa stiano provando, specialmente Max, perché è il giovane che sta lottando contro una leggenda, un campione. Lui non è britannico, quindi sarà sempre difficile per lui”.

L’ultima frase, sibillina, ha portato ad un successivo chiarimento richiesto dai media riguardo soprattutto a quel “lui non è britannico”. E l’asturiano ha esposto in modo più completo il suo pensiero:

“Ho l’impressione che ogni volta in cui le cose diventano un po’ più pepate e tese per la lotta mondiale beh… questo sport è un ambiente britannico. Tutti (o quasi) i team sono britannici. La maggior parte di voi, giornalisti, media, troupe TV, ognuno arriva dalla Gran Bretagna. Comprensibilmente, c’è un pochino di preferenza verso il vostro connazionale che può essere competitivo e continuare a vincere. Ho sempre percepito, anche quando correvo in passato, di essere il ragazzo cattivo della Formula 1 che cercava di lottare contro altri ragazzi britannici. Quando ho visto cosa è successo a Silverstone e quando vedo Verstappen ricevere certe domande beh, capisco sicuramente la sua posizione”.

Ogni riferimento al 2007, anno in cui Alonso si scontrò contro l’allora rookie Lewis Hamilton nella sua prima avventura in McLaren, durata una sola stagione, è puramente casuale…

Immagine: Twitter / ANSA

CANALI TEMATICI SU TELEGRAM

NEWSLETTER

P300 MAGAZINE

PARTNERS

GRUPPI AMICI

ULTIMI ARTICOLI

COMMENTA

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ALTRI DALL'AUTORE

CANALI TEMATICI SU TELEGRAM