eSport | CIGT4 ACI Esport: Simone Iezzi dominatore assoluto a Donington Park sotto la pioggia

di Matteo Gaudieri
20 Ottobre 2022 - 14:15

Secondo successo in campionato per Racing Point, questa volta con Porsche. Mattea e Pagano chiudono il podio, Romagnoli fuori dai migliori dieci dopo un incidente; Zampedri, vincitore a Monza, nono

Simone Iezzi è il secondo vincitore del Campionato Italiano GT4 ACI Esport, organizzato da DrivingItalia.net con il supporto di BPER Banca, Sparco e Minardi Management. Il pilota del Team Racing Point ha dominato la gara di Donington Park, corsa sul bagnato, imponendosi con oltre 16 secondi di vantaggio su Karim Mattea (Res-Tech) e Leonardo Pagano (Apex).

Nuova pista e nuove condizioni meteorologiche, quindi: dopo lo spettacolo offerto a Monza con un cielo splendente, il Campionato Italiano GT4 di ACI Esport è sbarcato a Donington Park per la prima delle tre tappe fuori dal Bel paese e, come di consueto in territorio britannico, la pioggia si è resa protagonista nel portare con sé nuove insidie confezionate per gli alfieri.

La sessione di qualifica ha visto Simone Iezzi destreggiarsi come un anfibio sull’asfalto bagnato, spaccando il cronometro su 1:39.027; 145 millesimi dopo c’è Michael Romagnoli, pronto a confermare quanto di buono fatto vedere sul tracciato lombardo. La top tre è stata chiusa da Karim Mattea, che ha preceduto Angelo Cutrupi e Carmelo Trapani.

La griglia di partenza, per quanto concerne le prime cinque file, è stata composta nel seguente modo:

Iezzi – Romagnoli
Mattea – Cutrupi
Trapani – Pippo
Rabitti – Magnani
Meletti – Pagano

eSport | CIGT4 ACI Esport: Simone Iezzi dominatore assoluto a Donington Park sotto la pioggia

L’opera è stata poi completata da Iezzi in gara: scattato dalla pole, il pilota in forza a Racing Point non ha concesso la benché minima possibilità ai propri avversari, martellando cronometrici di rilievo sotto il muro dell’1:39, stampando il giro veloce in 1:38.760. Un passo gara inavvicinabile, che ha portato il suo vantaggio sotto la bandiera a scacchi a 16.6 secondi sul suo diretto inseguitore, che porta il nome di Karim Mattea.

La lotta per le posizioni di vertice di classifica vedeva incluso anche Michael Romagnoli, ma quest’ultimo è stato coinvolto in un incidente mentre si trovava in seconda posizione. Il contatto del quale è stato vittima l’ha portato a chiudere diciannovesimo dopo una bella rimonta dal fondo della classifica. A beneficiare del caos in pista, visti soprattutto i numerosi contatti, è stato Leonardo Pagano che, dalla decima casella di partenza (1:39.612 il suo riferimento in qualifica, ndr), è riuscito a chiudere in terza posizione.

Alle spalle di Pagano si sono classificati Simone Rabitti e Lorenzo Magnani, con Francesco Farina sesto dopo essere partito quindicesimo. Andrea Forte e Angelo Cutrupi, quest’ultimo scivolato a causa di 15 secondi di penalità, hanno chiuso in settima e ottava posizione, con Mattia Zampedri in nona: la qualifica aveva visto il vincitore di Monza chiudere con il trentunesimo tempo; l’unico pilota Mercedes presente in griglia ha poi compiuto una rimonta memorabile, salvando il salvabile in mezzo alle difficoltà. La top ten è stata completata da Mattia Cervellone.

Segue la classifica finale.